<<C’è urgente bisogno di sangue, soprattutto del gruppo sanguigno “0 RH” positivo e negativo, all’ospedale di Andria, dove sono stati portati alcuni feriti sopravvissuti alla sciagura sulla linea ferroviaria tra Andria e Corato. Chi volesse rendersi utile può contattare il numero 080.8721014 della Polizia Municipale di Corato e il numero 0883.299267 del centro trasfusione di Andria>>.

<<L’Asl della provincia di Barletta, Andria e Trani ha invece attivato tre linee telefoniche per fornire e ricevere informazioni utili sulle persone coinvolte: 0883 299750 – 0883 299416 – 0883 299411. Un centro di informazione per il ricongiungimento familiare dei passeggeri coinvolti è stato invece allestito dalla Protezione civile nel palazzetto dello sport di Andria>>.

Il drammatico incidente causato dallo scontro frontale fra due treni della linea Bari Nord, tra Andria e Corato, richiede un'urgente donazione di sangue da parte di tutte le persone di buona salute. L'appello arriva dalla Regione Puglia. La maggior parte dei feriti della tragedia ferroviaria è stata trasportata agli ospedali di Andria e di Bisceglie, nella provincia di Barletta Andria Trani.

Sui social network è un tam tam di appelli, soprattutto per la donazione di sangue. Sul profilo Facebook, la Regione lancia l'appello per la donazione di sangue per i feriti dell'incidente ferroviario, soprattutto del gruppo 0 positivo. Il centro trasfusioni dell'ospedale di Andria della Asl Bat rimarrà appositamente aperto anche nel pomeriggio. Molti cittadini si stanno presentando per donare. Ci sono code e file ai centri trasfusionali, in particolar modo ad Andria ed al Policlinico di Bari.

Decine gli studenti di medicina e gli specializzandi. In fila anche professionisti e operai di un cantiere edile. Il direttore del Policlinico di Bari, Vitangelo Dattoli, ha istituito un terzo turno per far fronte alle offerte di sangue. Ha pure disposto un rafforzamento della banca del sangue. Molti donatori però non hanno potuto effettuare il prelievo: per offrire il sangue dovevano essere a stomaco non pieno. In particolare, non dovevano aver assunto carboidrati e grassi da almeno 4 ore.

Il primario del centro trasfusionale di Barletta Ennio Peres ha richiamato in servizio tutto il personale sanitario per coprire l'emergenza. "Massimo impegno da parte di tutti. Abbiamo disposto l'apertura anche pomeridiana delle strutture trasfusionali di Andria e Barletta. Sarebbe opportuno raccogliere sangue del gruppo 0 positivo e A positivo, ma anche gli altri. Siamo in una situazione drammatica e l'incidente va oltre ogni aspettativa, ma stiamo cercando di fare fronte nel migliore dei modi". "Abbiamo richiamato in servizio gli Infermieri ed i medici che erano in servizio nel turno mattutino. 

La Regione Puglia invita le Associazioni e le Federazioni dei donatori di sangue alla massima collaborazione e i cittadini pugliesi a recarsi presso i Servizi Trasfusionali per effettuare, qualora possibile, la donazione di sangue. "È importante - si legge ancora nella nota - che tutti siano consapevoli dell'importanza di questo gesto di solidarietà, indispensabile a garantire la continua disponibilità di sangue durante questa emergenza".

https://www.facebook.com/quiregionepuglia/posts/10153871428878666

Disponibilità e solidarietà sono state espresse da diverse Regioni italiane, dalla Lombardia alla Basilicata, per fronteggiare l'emergenza sangue. "Ringrazio medici, infermieri, volontari della Croce rossa e Centro sangue allertato per dare soccorso ai feriti dell'incidente di Bari" scrive in un tweet il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

https://twitter.com/bealorenzin/status/752871058328457216

Fonte: huffingtonpost - ilfattoquotidiano