Le perplessità dei professionisti sanitari sulle recenti norme: regolamentazione di orari, rapporti di lavoro in regime di contratto pubblico e  responsabilità professionale personale, sono molteplici; difficile orientarsi nella nebbia. Il bisogno formativo dei professionisti su questi contenuti, è necessario e urgente.

Per l’orario di lavoro, il tempo è scaduto da quasi un anno. Dal 25 novembre 2015, le aziende sanitarie italiane devono ottemperare alle Direttive UE sull’orario di lavoro 93/104/CE e 2000/24/CE. La deroga a queste disposizioni specifica per il personale sanitario, è un abuso, l’UE lo sancisce e apre una procedura d’infrazione per l’Italia n. 2011/4185. Il Governo non molto prontamente aggiusta il tiro, con leggi e articoli vari e infine anche i lavoratori sanitari avranno il diritto al riposo giornaliero di 11 ore consecutive ogni 24 ore, (D.lgs. 66/2003 art.7).

In assenza di un nuovo CCNL il Jobs Act è intervenuto sulla disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni (D.lgs. 81/2015), l’istituto del part-time ha subito trasformazioni con conseguente confusione nella sua regolamentazione.

La famiglia dovrebbe essere un diritto anche per i professionisti sanitari. La revisione dei congedi parentali avrà ripercussioni positive anche per noi?

Ulteriore argomento da approfondire, utilità e ripercussioni sul lavoro  con le nuove disposizioni disciplinari per i “furbetti del cartellino”. Cosa hanno fatto le aziende sanitarie?

I dipendenti hanno solo domande senza risposta:

Con l’attuale CCNL come è possibile realizzare queste norme?

Come può il dipendente sanitario esigere il rispetto delle norme?

Gli interrogativi, non devono restare senza risposte, è importante essere pronti nei repentini cambiamenti che non solo ci coinvolgono direttamente nel nostro ambito professionale, hanno importanti ripercussioni sull’andamento personale della nostra vita. 

Il Dott. Luca Benci, giurista esperto in Diritto del lavoro sanitario è sempre in grado di analizzare e declinare le norme nel complesso contesto politico, organizzativo in cui siamo sommersi. È in grado di comprendere e rispondere ai nostri dubbi, perché conosce il mondo sanitario. Il suo modus operandi è il confronto e l’ascolto dei professionisti sanitari, così la sua esperienza si arricchisce continuamente con il contributo di tutta la comunità dei professionisti sanitari.

L’evento formativo del 27 ottobre ad Ancona, con Luca Benci, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona, offerto GRATUITAMENTE a tutti gli iscritti NurSind, si pone obiettivi ardui, ma sicuramente possibili, perché abbiamo uno tra i migliori esperti, il Dott. Luca Benci ad accompagnarci in questo percorso.


Iscrizioni e programma del corso al sito del provider:

http://www.seres-onlus.org/

codice evento 173320

Informazioni e contatti:

Referente formazione Nursind Ancona

Annamaria Frascati: 3383571095

www.nursindancona.com