Il virus Zika, ha come vettore una zanzara e negli esseri umani si manifesta come una malattia auto-limitante febbrile con sintomi di eruzione cutanea, mal di testa e mialgia.  Gli effetti drammatici devastanti, con anomalie nello sviluppo del cervello, si osservano nei bambini nati da donne infettate durante la gravidanza. Recenti epidemie hanno collegato il virus Zika allo sviluppo di gravi anomalie fetali che includono la microcefalia e la sindrome di Guillain-Barre negli adulti.

Nel 2015 oltre 1.5 milioni di persone sono state infettate in Brasile e decine di milioni di persone potrebbero essere infettate nelle Americhe negli anni a venire.  Urgente intervenire con la profilassi primaria, la vaccinazione.

In Italia, il Centro di ricerche ENEA in biomedicina, già lo scorso anno, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità ( ISS) e il Prince of Wales Hospital di Hong Kong, ha effettuato studi a partire dalla pianta del tabacco e prodotto molecole utili alla produzione di vaccini sicuri ed economici. Il modello è stato utilizzato per la SARS, ma i ricercatori l’hanno considerato adeguato anche per lo sviluppo di vaccini per i virus Ebola e Zika. (Studio su Frontiers in Plant Science: Antigen Production in Plant to Tackle Infectious Diseases Flare Up: The Case of SARS ).

Di recente infatti anche la ricerca sul vaccino virus Zika a partire dalle foglie di tabacco, pubblicata su nature, ha dato ottimi risultati. La produzione di successo dell’antigene del virus Zika nelle piante di tabacco aiuta anche ad affrontare le questioni economiche dei vaccini. I costi biologici  possono essere notevolmente ridotti, la biomassa vegetale e proteine derivate dalle piante sono coltivate  senza investimenti costosi e mezzi di coltura tissutale. Lo studio ha dimostrato anche la potente immunogenicità  di questo vaccino, correlata all'immunità protettiva contro più ceppi ZIKV.

La ricerca è stata condotta su colture biologiche ed animali (topi), e vista l’assenza di potenziali tossicità nell’organismo umano, l’ipotesi di un vaccino sicuro per arginare una  tra le più pericolose emergenze sanitarie mondiali, portate dal virus Zika, sembra vicina.

Fonte: www.nature.com 

Ph:  medifitbiologicals.com