In concomitanza con lo sciopero del 23 febbraio 2018 dichiarato dai sindacati infermieristici Nursind e Nursing UP, si terrà un sit-in presidio presso piazza santi apostoli in Roma dalle ore 11 alle ore 14. Lo comunica il segretario nazionale Nursind, Andrea Bottega.

Gli infermieri manifesteranno in questo luogo, poco distante dalla sede del Ministero della Funzione Pubblica, la loro contrarietà verso un contratto in perdita, verso il continuo definanziamento del Fondo sanitario nazionale e il reale rischio di smantellamento del Sistema sanitario nazionale proprio nella ricorrenza del sua quarantesimo anno di vita. 

Gli infermieri italiani vogliono la difesa della propria professionalità, del giusto salario e di un sistema sanitario pubblico che dia assistenza sicura e di qualità.
La dignità della nostra professione e del nostro lavoro non può essere calpestata da politiche di risparmio economico che vadano a ledere il diritto costituzionale alla salute.

È nostro dovere garantire questo diritto perché siamo al servizio della Nazione ma chiediamo di essere messi nelle condizioni di lavorare dignitosamente, dignità che ci pare fortemente lesa dalla proposte contrattuali in discussione.
Noi non chiediamo di chiudere subito, chiediamo di chiuderli bene nell’interesse dei lavoratori che rappresentiamo.

Una trattativa per contratto in perdita – di diritti e di stipendio – non può essere chiusa per la fretta di compiacere all’appuntamento elettorale sia politico che delle RSU"

Segretario Nazionale NurSind
Andrea Bottega