“Servono misure urgenti contro le aggressioni a Infermieri e personale sanitario, la sicurezza sul posto di lavoro deve essere garantita”.

Così interviene la consigliera regionale Stefania Batzella (Mli), sull’episodio accaduto il 6 febbraio scorso (NDR) all’ospedale di Ciriè, dove un paziente ha aggredito tre infermieri.


“All’interno degli ospedali, e in particolare nei pronto soccorso – afferma Stefania Batzella – è necessario garantire con la massima urgenza misure per proteggere la sicurezza degli infermieri e di tutto il personale sanitario, che con sempre maggiore frequenza sono vittime di aggressioni da parte degli utenti”.
“Il problema – continua – è noto da tempo, lo conoscono bene sia l’assessore alla Sanità Antonio Saitta, sia i direttori generali delle aziende. Ma nonostante le continue denunce anche da parte dei sindacati, nulla è cambiato.

E’ ora di passare dalle parole ai fatti,  - dice Batzella - con misure che tutelino i dipendenti, già costretti a turni di lavoro estenuanti per la grave carenza di personale che affligge il comparto sanitario.

La sicurezza - conclude - sul posto di lavoro è fondamentale, deve essere garantita. Non è ammissibile lavorare nel timore di essere aggrediti”.