E’ morta la 70enne cingalese sommersa da formiche durante il suo ricovero all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli.

La storia

A novembre di quest’anno, un video aveva destato scalpore ed era diventato virale sul web nel giro di poche ore:

una paziente invasa dalle formiche, mentre giaceva nel suo letto, ricoverata nel reparto di Medicina del Giovanni Bosco di Napoli.

Per quanto accorso erano stati sospesi un medico e due infermieri, ritenuti responsabili dell’accaduto.

Qualche giorno dopo la revoca della sospensione per il medico e un supplemento di indagine per gli infermieri.

Da quanto emerso dalle indagini del Servizio ispettivo, la revoca della sospensione del medico fu dovuta alla sua estraneità ai fatti: era al Pronto soccorso, all’osservazione breve intensiva “.

Diversa la situazione per gli infermieri (sospesi), per i quali ulteriori valutazioni che portarono a chiedere un supplemento di indagine.

 

Oggi la posizione dei sanitari potrebbe aggravarsi, avvocato ieri ha presentato denuncia: la mancanza di cure ha provocato nella donna piaghe da decubito profondissime ed un conseguente processo settico, trasferita con urgenza in rianimazione dell’Ospedale del Mare, è deceduta. L’avvocato ha poi presentato un’integrazione alla denuncia, chiedendo alla magistratura di sequestrare il corpo e disporre l’autopsia.

 

Da il Sud On line

 

articoli correlati:

Formiche al San Giovanni Bosco. Scagionato il medico, restano accuse a carico degli infermieri

Gli infermieri avevano scritto in consegna della presenza delle formiche. Grillo “Cercare le responsabilità più in alto”