Una delegazione del NurSind di Caltanissetta, guidato dal segretario Giuseppe Provinzano, nella giornata del 12 Febbraio ha incontrato il Commissario dell'ASP di Caltanissetta l'Ingegnere Alessandro Caltagirone.

Sul tavolo tutte le problematiche dell'ASP, dalla carenza di personale ai mancati pagamenti che l'ASP si trascina oramai da anni. Al centro dell'incontro anche le problematiche legate alle  strutture Ospedaliere di Caltanissetta e Gela, ed alle Strutture Territoriali della provincia.

Si è parlato dei piccoli ospedali e sopratutto del loro futuro, vista la recente approvazione della rete ospedaliera che vede confermati come ospedali di “zona disagiata” quelli di Niscemi, Mazzarino e Mussomeli.

I rappresentanti del NurSind durante l’incontro hanno espresso forte preoccupazione per la situazione di carenza di personale infermieristico nell'ASP. L’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta, soffre gravi carenze di personale infermieristico e di supporto in moltissime  Unità Operative  Ospedaliere nonché Territoriali,  e il sindacato da tempo segnala il disagio lavorativo che questa situazione comporta per gli infermieri e per il personale sanitario.

Abbiamo parlato di “perfomance individuale e schede di budget”. Il nostro disappunto circa la valutazione del personale del comparto che “subisce” passivamente gli obiettivi che vengono assegnati ai responsabili delle strutture sanitarie. E' impensabile che la valutazione del personale sia legata anche al raggiungimento di un obiettivo (a nostro parere esclusivamente di tipo medico), quale il contenimento della spesa. Ragion per cui si rende necessaria la revisione del “Regolamento per la valutazione delle Performance”, per il personale del comparto”. Abbiamo rappresentato anche la problematica degli infermieri che da diversi anni svolgono il ruolo di  coordinatori f.f. Si è chiesto un riconoscimento di tipo economico per queste figure. Il Commissario si è mostrato disponibile ad affrontare questa argomentazione nel breve”. “Altra problematica di cui si è discusso, circa quella relativa alla “Mobilità Regionale ed Extra-Regionale”. Mobilità che, è in attesa di definizione della graduatoria, la quale sarà redatta nel breve”.

“Si è affrontato anche il tema del “Demansionamento Infermieristico” - continuano dal NurSind -. Allo stato odierno le corsie degli ospedali risultano carenti anche di personale O.S.S. Carenti a tal punto da rendere lo stato di Demansionamento un elemento ordinario del lavoro infermieristico il quale, va oltre a sopperire alle carenze del personale del proprio ruolo, si trova a fare lo stesso anche per la mancanza di personale subalterno. Su questa tematica accogliamo l’apertura del commissario per una prossima rivisitazione della dotazione organica, concernente la figura dell'OSS e alla riqualificazione del personale ausiliario”.

“Abbiamo chiesto l'istituzione di un piano di “Pronta Disponibilità Annuale” in modo da consentire e  garantire una continuità assistenziale nel processo di erogazione delle prestazioni sanitarie. A riguardo il commissario ha dato la propria disponibilità ad attivarsi immediatamente”.

Il NurSind ha chiesto al Commissario Straordinario la possibilità di istituire nel breve un piano di “Mobilità Interna”.

"Pensiamo che questa sia una concreta occasione di crescita professionale e personale - afferma Provinzano - per tutti coloro che intendono mettere in gioco le proprie conoscenze, competenze e attitudini personali in differenti ambiti professionali. I processi di selezione interni costituiscono inoltre un’importante occasione di empowerment, nel momento in cui le esigenze organizzative della ASP di Caltanissetta corrispondono alle motivazioni e agli interessi dei singoli lavoratori”.

Per il lavoratore o la lavoratrice può significare:

  • esprimere le proprie potenzialità, utilizzando altre competenze in un nuovo ruolo
  • ricollocarsi dando una direzione differente al proprio sviluppo professionale e acquisire nuove competenze
  • trovare nuove motivazioni e stimoli professionali

Per l’organizzazione può significare:

  • valorizzare il potenziale e le competenze del personale interno
  • dare dinamicità all’organizzazione
  • motivare e collocare efficacemente le proprie risorse
  • risparmiare tempo nell’inserimento di nuovo personale, che già conosce il funzionamento dell’organizzazione
  • avere un’occasione di dialogo con il personale interno.

Dal NurSind fanno sapere che: al Commissario è stato chiesto anche lo stato dell'arte dei vari pagamenti pregressi, dal lavoro straordinario effettuato da Settembre a Dicembre 2018, che ad oggi ancora non è stato erogato al personale del comparto, del saldo della produttività collettiva relativa agli anni 2015-2016-2017, (per questo si attende la nomina dell'Organismo Indipendente di Valutazione), O.I.V. che si insedierà intorno alla fine di Febbraio 2019, con l'espressa volontà da parte del Commissario di far sanare tutte le pendenze ancora in essere). “Il Commissario ci ha rassicurato circa le pendenze economiche, (prestazioni orarie aggiuntive) che l'ASP ha nei confronti dei dipendenti. Entro 10 giorni verrà predisposta la deliberazione in merito”.

“Apprezziamo la disponibilità del Commissario Straordinario a dialogare sulle questioni importanti per i lavoratori - conclude il NurSind -. Abbiamo trovato un interlocutoremolto attento, che ha ascoltato con molta meticolosità le problematiche che abbiamo rappresentato, trovando anche le possibili soluzioni, che gravano sia negli Ospedali che nei Distretti Sanitari dell'ASP. Da parte nostra abbiamo espresso al Commissario la massima collaborazione, nell’interesse dei lavoratori e dei cittadini”.