"Dipendenti del policlinico di Catania ostaggio ogni sera dei cani randagi che impediscono loro di raggiungere la propria auto".

Tanta paura "pure per le donne in gravidanza che si trovano al presidio Rodolico".

È l’allarme lanciato da Marco Di Bartolo, dirigente sindacale del NurSind, dopo l’ennesimo caso di aggressione registrato tra gli operatori del settore.

“Si è verificato ciò per cui da mesi siamo in allarme – spiega Di Bartolo -. I cani, che magari singolarmente possono sembrare non ostili, organizzati in branco hanno preso possesso del territorio all’interno del policlinico. Utenti e lavoratori la sera sono ostaggi di questi animali e abbiamo avuto contezza di almeno due episodi cruenti con necessità di cure al pronto soccorso. Dobbiamo forse aspettare che uno di questi giorni azzannino un bambino o addirittura una donna in gravidanza visto che al presidio Rodolico c’è il pronto soccorso ostetrico?”.

Di Bartolo ricorda quindi che “la colpa non è certo dei cani, che si comportano secondo la loro natura e il loro istinto, ma degli uffici preposti che ancora non hanno fatto il necessario per far in modo che gli stessi non possano nuocere a nessuno senza la necessità di far loro del male. Abbiamo scritto al Prefetto di Catania affinché solleciti l’intervento dell’Asp e del Comune di Catania competenti in materia. Abbiamo notizie informali che qualcosa si stia smuovendo, ma attendiamo conferme perchè la situazione è diventata insostenibile”.