“Il piano delle assunzioni per il presidio ospedaliero di Prato è un fake: i numeri annunciati per infermieri e operatori socio sanitari non è sufficiente neanche a coprire il turn-over del personale. subito un tavolo di confronto in Regione Toscana”.

L’accusa arriva da Roberto Cesario, segretario del NurSind, per il territorio pratese, a pochi giorni dal piano occupazionale diffuso dall’assessore regionale alla Salute Stefania Saccardi.

“Nel piano si fa riferimento a 48 nuove assunzioni, ma solo 14 di queste sono riferite al comparto degli infermieri – sottolinea Cesario – mentre l’Ospedale di Prato soffre da anni di una cronica carenza di personale. Il rapporto infermiere-paziente a Prato tocca la soglia di 1 a 14 nei reparti di medicina e chirurgia: quasi il doppio rispetto agli standard di sicurezza, secondo i quali l’ideale sarebbe un infermiere per 8 pazienti”.
Una situazione particolarmente critica al Pronto Soccorso, “che ha una media di 300 accessi al giorno, con punto oltre i 350 – denuncia il segretario NurSind – costringendo il personale a lavorare in condizioni di grave stress per fronteggiare le quali è necessario fare appello a una grande dose di competenza e senso di responsabilità”.

Ma non basta: “per poter garantire alti livelli di assistenza – dichiara Cesario – i lavoratori devono essere messi in condizione di operare in piena sicurezza ed efficienza: le assunzioni promesse non bastano neanche a sostituire coloro che andranno in pensione”.
“Il piano annunciato dai vertici aziendali – attacca Cesario – ha tutta l’aria di una trovata estemporanea per gettare fumo negli occhi su un tema delicato e annoso. Oggi come in passato come NurSind siamo impegnati nella difesa di un servizio sanitario pubblico e

universale: se l’amministrazione vuole davvero assicurare i nuovi Livelli essenziali di assistenza, non può prescindere da nuove assunzioni”.

“Chiediamo alla Regione Toscana di aprire subito un tavolo di confronto sul personale - conclude Roberto Cesario del NurSind – per garantire un servizio di alta qualità e in sicurezza ai pazienti”.