Le seconde vittime del verificarsi di errori avversi a carico dei pazienti sono gli Infermieri ed i medici che li commettono, spesso con serie sequele post-traumatiche.

L'attuale letteratura pubblicata sulle seconde vittime è stata condotta prevalentemente sui medici e quasi per niente sugli infermieri.

Questa revisione sistematica è stata condotta per comprendere l'esperienza della seconda vittima relativa gli infermieri, esplorando il supporto fornito e suggerirne quello adeguato.

Infermieri, seconde vittime

Quando si verificano eventi avversi da errori infermieristici, ci sono tre potenziali vittime: pazienti, infermieri e l'organizzazione sanitaria.

I pazienti come vittime primarie diventano la priorità e il fulcro degli interventi, ma anche gli interventi sugli infermieri come seconde vittime sono altrettanto importanti. 

Le seconde vittime sono operatori sanitari che hanno commesso un errore e che diventano essi stessi vittime dell’evento avverso per il solo fatto di averlo procurato. 

Il termine seconda vittima è stato usato per la prima volta in un editoriale del dott. Albert Wu, che ha evidenziato gli effetti emotivamente e psicologicamente devastanti degli errori medici negativi sui medici, sottolineando l'alienazione che i medici provavano per la mancanza di supporto da parte di colleghi e superiori.

Le seconde vittime sono generalmente traumatizzate dall'evento e ritengono di essere i principali responsabili dell'evento avverso, che di conseguenza induce insicurezza e sentimenti di fallimento.

 

I pochi studi presenti in letteratura suggeriscono che gli infermieri come seconde vittime si sentono in colpa, umiliati, imbarazzati e sperimentano la colpa di sé, la frustrazione, la perdita di fiducia e il dubbio che possono permanere anche fino a 10 anni dopo l'evento

In uno studio, l'esperienza vissuta delle seconde vittime era paragonabile al disturbo post-traumatico da stress. I sintomi riportati erano insonnia, esaurimento, flashback, esplosioni emotive, distinti pensieri incessanti dell'evento indipendentemente dal tempo trascorso, depressione, affaticamento e ansia. Tuttavia, l'angoscia può essere moderata dal supporto che ricevono le seconde vittime. Purtroppo solo il 7% delle seconde vittime riceve l'appropriato sostegno dai propri superiori o colleghi, che a volte si rivelano inadeguati o scadenti.

 

 

 

Risultati della revisione della letteratura

Dalla revisione della letteratura è emerso che come seconde vittime, gli infermieri sono stati colpiti da stati emotivamente angoscianti espressi sotto forma di panico, shock, devastazione, incredulità, colpa, vergogna, preoccupazione e perdita di fiducia. 

In modo allarmante, questi possono persistere a lungo termine. 

Numerosi fattori influenzano l'angoscia degli infermieri come seconde vittime. In primo luogo, la risposta emotiva negativa dell'infermiere (cioè vergogna, senso di colpa, perdita di fiducia) può essere attribuita al fondamento altruistico su cui è costruita la professione.

Se l'infermiere possiede conoscenze specialistiche e ha l'obiettivo trascendente di guarire, in primo luogo gli errori negativi possono quindi essere visti come un tradimento del loro scopo di facilitare la guarigione, e in secondo luogo, è probabile che le emozioni siano scatenate dal danno o dalla possibilità di ferire fatalmente il paziente. 

Gli infermieri non ricevono sempre il supporto di cui hanno bisogno. Alcuni scelgono di parlare della loro esperienza con i loro parenti stretti, ma ritengono che ciò sia insufficiente poiché i membri della famiglia possono ignorare il processo di assistenza sanitaria e l'entità del disagio emotivo. 

Colleghi e dirigenti possono essere fonti di supporto e spesso gli infermieri si rivolgono a quelli di cui si fidano. 

Nonostante il desiderio di rivelare l’errore commesso, la decisione dell'infermiere se rivelare un errore è in definitiva determinata dal grado di danno al paziente e da come vengono supportati. 

Come uscire dallo stato di stress da seconda vittima

La riconciliazione è un processo importante per cui ogni seconda vittima si impegna per riguadagnare la propria autostima. 

Sono necessari pochi passaggi fondamentali per la riconciliazione, tra cui: il riconoscimento da parte degli infermieri della loro vulnerabilità agli errori, i miglioramenti nella pratica e la divulgazione degli errori. 

In un sondaggio condotto su 269 operatori sanitari, il 65% ha riferito di aver affrontato da solo le conseguenze personali degli errori. in assenza di un buon sistema di supporto, è probabile che l'angoscia peggiori e andare avanti può diventare più difficile. Questo potrebbe comportare l'abbandono della professione o del posto di lavoro.

 Esistono tre fonti di supporto per le seconde vittime:

a)   supporto dipartimentale

b)   supporto collega

c)    supporto esterno. 

 

Il supporto dipartimentale può comprendere il personale addetto alla salute ed alla sicurezza sul lavoro che funge da persona di supporto della seconda vittima attraverso l'indagine ed il percorso del contenzioso. 

Il sostegno esterno riguarda i programmi di assistenza dei dipendenti, psicologo o consulente. 

Di recente, i programmi di sostegno tra pari sono stati testati e ricevuti positivamente dagli operatori sanitari, compresi gli infermieri.   

 

 

 da: 

Experiences of and support for nurses as second victims of adverse nursing errors: a qualitative systematic review