Premessa

Il possibile ruolo del lavoro notturno nello sviluppo del cancro continua ad essere di grande interesse scientifico per la salute pubblica. 

Il carcinoma della prostata è il tumore solido più frequentemente diagnosticato tra gli uomini nei paesi industrializzati.  L'onere globale della malattia è ancora in aumento e si prevede che oltre 2 milioni di uomini saranno colpiti in tutto il mondo entro il 2040.  L'identificazione di fattori modificabili che potrebbero essere presi di mira dalle misure di salute pubblica per la prevenzione del cancro alla prostata rimane una sfida di ricerca considerevole.  Un ruolo per le influenze ambientali legate all'occidente, inclusa la dieta, altri fattori di stile di vita e le esposizioni sul posto di lavoro, è stato suggerito in varie ricerche che studiano le tendenze spazio-temporali nel carcinoma prostatico.

Il lavoro di turno notturno è sempre più sospettato di essere coinvolto nello sviluppo del cancro attraverso una serie di meccanismi convincenti, tra cui l'interruzione dei ritmi circadiani. 

Inizialmente proposta per il carcinoma mammario, l'ipotesi del lavoro a turni notturni è stata recentemente estesa al carcinoma prostatico.  Nella sua valutazione del 2007, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato il lavoro a turni che comporta l'interruzione del ritmo circadiano come probabilmente cancerogena per l'uomo sulla base di prove sufficienti da modelli animali ma prove limitate nell'uomo.  Un gruppo di lavoro IARC ha formulato raccomandazioni per standardizzare gli aspetti o i settori del lavoro a turno notturno al fine di comprendere meglio quali aspetti specifici sono cancerogeni. 

Nel 2018,  il National Toxicology Program ha concluso che il persistente lavoro a turni notturni che causa è noto per essere cancerogeno per l'uomo. 

Un panel di peer review ha giudicato sufficienti le prove per il carcinoma mammario, mentre per il carcinoma prostatico è risultato limitato. 

Per quest'ultimo, sono stati sollevati diversi problemi, tra cui il piccolo numero di indagini metodologicamente forti, la scarsa caratterizzazione dell'esposizione lavorativa a turni notturni negli studi e il fatto che pochi studi hanno valutato l'aggressività della malattia o il ruolo dello screening.

 

LO STUDIO
L’obiettivo dell’indagine era stimare la probabilità del K alla prostata nei lavoratori con turni notturni, applicando raccomandazioni per un rigoroso protocollo di valutazione dell'esposizione. Il lavoro a turni notturni che comporta l'interruzione dei ritmi circadiani è stato associato al rischio di cancro al seno.  Si sospetta anche un ruolo nel carcinoma della prostata, ma le prove sono limitate. 

Metodologia

La ricerca scientifica adottata è quella caso-controllo tramite intervista ed è stato condotto nel 2005-2012 in Canada. Sono stati arruolati 1.904 casi di cancro alla prostata (432 tumori di alto grado) e 1.965 controlli tra la popolazione. 

Il turno notturno è stato definito come servizio lavorativo prestato per almeno ≥3 ore tra la mezzanotte e le 5:00 del mattino per ≥3 notti / mese per ≥1 anno. 

Risultati

Non è stata trovata alcuna associazione tra il carcinoma prostatico complessivo e le metriche di lavoro a turni notturni, tra cui esposizione, durata, intensità, esposizione cumulativa, turni di rotazione e turni di primo mattino. Rispetto agli uomini che non avevano mai svolto un lavoro a turni notturni, non vi era alcuna chiara evidenza che coloro che avevano un rischio maggiore di cancro alla prostata per una qualsiasi delle metriche valutate, comprese le categorie che rappresentano le esposizioni più elevate.  Alcune stime del rischio erano leggermente superiori a 1, ma gli intervalli di confidenza includevano il valore nullo in tutte le categorie metriche e non sono emersi schemi di dose-risposta.  Nessuno degli indici di esposizione ha evidenziato prove di eterogeneità nei rapporti di probabilità tra tumori di basso e alto grado.  Le analisi di sensibilità che limitano le esposizioni a ≥7 notti / mese o che considerano la storia di screening hanno prodotto risultati simili.

Discussione

In questo ampio studio caso-controllo basato sulla popolazione, i possibili meccanismi che collegano il lavoro del turno di notte e il cancro sono stati rivisti.  Questi potrebbero spiegare le associazioni con il cancro al seno in particolare, per le quali le prove sono più coerenti,  o con tumori in altri siti, compresa la ghiandola prostatica, un altro organo ormone-dipendente. 

Esistono prove sostanziali da studi su animali e sperimentali che l'esposizione alla luce notturna innesca la disfunzione del ritmo circadiano sopprimendo i livelli di melatonina e alterando l'espressione dei geni dell'orologio.  Entrambi sono protettori chiave contro lo sviluppo del tumore attraverso l'inibizione della crescita tumorale e il mantenimento dell'omeostasi dei tessuti. 

Esiste una linea di evidenza per un potenziale collegamento tra l'interruzione circadiana e il rischio di cancro alla prostata in modo più specifico. 

La ricerca per valutare questa relazione nell'uomo è stata limitata.  In una meta-analisi del2015 basata su 5 studi di coorte e 3 studi caso-controllo, Rao et al.  hanno  riportato un rischio meta-relativo complessivo di 1,24 nei lavoratori notturni, ma le differenze nelle definizioni del lavoro a turni notturni e la grande eterogeneità tra gli studi hanno indebolito questo risultato.  Da allora, 4 studi (2 studi di coorte e 2 studi caso-controllo) hanno trovato associazioni positive,  mentre 2 studi di coorte no. 

 

Fonte

Am J Epidemiol.  2019; 188 (10): 1801-1811.