Iscriviti alla newsletter

Quali controindicazioni nell’uso della mascherina nei bambini dai 12 mesi in su?

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 12/04/2021 vai ai commenti

Professione e lavoroStudi e analisi

I bambini dai 12 mesi in su possono indossare senza controindicazioni la mascherina chirurgica, una misura di sicurezza che se portata da tutti farà sicuramente cadere l’indice di infettività. Lo afferma il professore Riccardo Lubrano, direttore del Dipartimento Materno-Infantile della Sapienza Università di Roma, Polo Pontino, che ha guidato uno studio scientifico pubblicato sulla rivista Jama Network.
La ricerca nasce dal bisogno di verificare le linee guida in cui si afferma che i bambini sotto i 6 anni non devono utilizzare le mascherine chirurgiche perché potrebbero essere dannose per la loro salute.

In realtà queste linee guida non hanno avuto alcuna verifica tecnica né c’è alcun articolo che tecnicamente dimostri se questi bambini possano o meno utilizzare la mascherina chirurgica.

La mascherina, il lavaggio delle mani e il distanziamento restano i tre punti ineluttabili per evitare la diffusione di una infezione.

 

È stato anche riscontrato che i bambini portano comunemente la malattia senza sintomi. Quindi è più difficile da identificare la presenza del virus tra i bambini, perché comunemente mostrano sintomi più lievi di COVID-19 rispetto agli adulti.14

 

Tuttavia, il ruolo dei bambini nella diffusione dell'infezione da coronavirus 2della sindrome respiratoria acuta grave (SARS CoV-2) è ancora dibattuto. Cinque studi hanno rilevato una trasmissione significativamente ridotta della trasmissione di SARS-CoV-2 associata ai bambini rispetto agli adulti, con una suscettibilità alle infezioni tra i bambini che è circa la metà di quella degli adulti e una minore probabilità di sviluppare sintomi. Tuttavia, altri 5 studi hanno scoperto che i bambini possono portare alti livelli di virus nelle vie aeree superiori, in particolare all'inizio di un'infezione acuta da SARS-CoV-2, anche se si tratta di un'infezione lieve o asintomatica. A causa di questi risultati sul trasporto asintomatico, le principali misure proposte per prevenire la diffusione della SARS-CoV-2 sono l'allontanamento sociale, il lavaggio delle mani e l'uso di maschere non solo per gli operatori sanitari, ma anche per la popolazione generale. L'associazione delle maschere chirurgiche con la prevenzione efficace della trasmissione era già stata trovata durante l'epidemia di virus della SARS del 2003.  Studi pubblicati nel 2020 hanno rilevato che l'uso di maschere facciali è anche associato alla prevenzione della trasmissione da individui senza sintomi. Inoltre, un modello matematico ha ulteriormente suggerito il ruolo protettivo delle maschere, trovando un'associazione lineare tra l'uso di maschere e una ridotta velocità di diffusione dell'infezione da COVID-19.

 

Gli esiti avversi associati all'uso di maschere facciali sono stati descritti in pazienti adulti.

Tra i bambini, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)  e l'American Academy of Pediatrics (AAP) non raccomandano l'uso di maschere facciali tra individui di età inferiore a 6 anni. Queste organizzazioni raccomandano anche precauzioni speciali per i bambini con gravi disabilità cognitive o respiratorie. I bambini in questi gruppi hanno anche problemi con l'uso di maschere facciali perché le scarse capacità motorie e coordinazione possono rendere difficile la rimozione della maschera. Oltre alla scarsa aderenza all'uso della maschera prevista in una popolazione pediatrica, queste indicazioni per l'uso delle maschere per il viso tra i bambini di età inferiore ai 3 anni o i bambini con disabilità sono spesso interpretate erroneamente e sono associate alla diffusa sfiducia dell'opinione pubblica nei confronti dell'uso delle maschere tra i bambini.

 

Le prove di esiti avversi associati all'uso di maschere per il viso tra i bambini sono scarse e i benefici di prevenire la diffusione dell'infezione da parte di individui senza sintomi o con sintomi lievi sono evidenti. Abbiamo quindi deciso di esaminare le potenziali associazioni dell'uso di maschere chirurgiche per il viso con i cambiamenti nella funzione respiratoria tra i bambini, compresi quelli di età inferiore ai 2 anni.

 

Lo studio ha coinvolto un gruppo di oltre 40 bambini, alcuni sopra i 2 anni e altri sotto i 2 anni: “Li abbiamo monitorati per 30 minuti per osservare i parametri di base, successivamente per altri 30 minuti li abbiamo tenuti con la mascherina mentre giocavano tranquilli, come se stessero all’asilo.

Infine, per altri 15 minuti li abbiamo fatti camminare velocemente, un walking test. In totale si è trattato di un percorso di un’ora e un quarto in cui abbiamo registrato l’andamento della saturazione, della frequenza cardiaca e della frequenza respiratoria, nonché la pressione parziale di fine espirazione per l’anidride carbonica (EpCO2)”.

 

Tra i 47 bambini con un età al di sotto ed al di sopra dei 24 mesi, durante i primi 60 minuti di valutazione nei 2 gruppi, non è stata osservata alcuna variazione significativa nel gruppo A della pressione parziale mediana, dell'anidride carbonica di fine espirazione, saturazione di ossigeno, frequenza del polso, o frequenza respiratoria.

 

L’uso della mascherina non ha modificato alcun parametro, sia nei bambini più grandi che in quelli di 12 mesi e questo significa che il bambino può tenere la mascherina e ostacolare la diffusione del virus.