Dopo l’approvazione del decreto che regola la prescrizione infermieristica in Spagna, anche per la Francia c’è in cantiere la possibilità che gli infermieri possano prescrivere farmaci e presidi medici.

Secondo quanto riferito dal giornale specializzato Le Quotidien du Pharmacien, la bozza del della Legge sulla Salute, prevede l’introduzione di nuove competenze a carico di quelli che vengono definiti “infermieri di pratica avanzata” (IPA).

Sotto la supervisione di un medico, gli infermieri potranno partecipare attivamente alla presa in carico del paziente che ha patologie croniche stabilizzate ( persone anziane affette da malattie come diabete o Alzheimer), pazienti oncologici, o persone affette da problemi psichiatrici.

Sebbene, nel caso transalpino, la norma sia già contenuta nella Legge per la Salute, mentre in Italia siamo fermi alle dichiarazioni di volontà o meno, anche in Francia non sono mancate le critiche e le resistenze.

Pare che questo territorio di dominio medico, sia difficile da cedere anche nella parte riguardante gli infermieri e così.

Infatti aspre critiche sono arrivate dai sindacati dei medici,il presidente dell’associazione di categoria dei medici CSMF, Jean-Paul Ortiz, si è già espresso a riguardo, parlando di misure «preoccupanti» e ritenendo «fondamentale che il medico resti il direttore d’orchestra»; la MG France, ha criticato la proposta, giudicando il testo «non sufficientemente chiaro in merito al quadro all’interno del quale dovrebbero operare gli infermieri»,ed infine la SML, si è chiesta se sia «pertinente costruire un sistema che consente agli IPA l’esercizio di alcune funzioni oggi appannaggio dei medici, aprendo così le porte ad una concorrenza tra le categorie».

Anche le organizzazioni infermieristiche hanno critico il testo inserito nella bozza, a loro avviso, la costruzione della norma prevede un rigido controllo medico che lascia poco spazio all’autonomia infermieristica, di cui godono invece gli infermieri di Canada, Stati Uniti ed Inghileterra.

 

 

Da Farmaciavirtuale.it

Ph credit: dal web