La Segreteria Territoriale NurSind di Caltanissetta ha aderito allo sciopero di due giorni indetto a livello nazionale per protestare contro la firma del contratto nazionale di lavoro, sottoscritto da CGIL-CISL e UIL, in concomitanza alla grande manifestazione di Roma dello scorso 23 febbraio.

Il 12 e 13 Aprile, le segreterie territoriali  sono state impegnate ad indire delle assemblee del personale e a promuovere, nelle strutture sanitarie, momenti di incontro con i lavoratori al fine di acquisire una maggiore consapevolezza sulle ricadute che il contratto avrà nell’organizzazione del lavoro e sugli standard di qualità e sicurezza nell’assistenza ai cittadini.

Il NurSind punta l’indice soprattutto su alcuni aspetti di carattere normativo ed economico peggiorativi rispetto al precedente accordo, a cominciare dallo straordinario obbligatorio e destinato ad aumentare fino alla deroga ai riposi per i turnisti e per chi è in pronta disponibilità, passando per la negazione del diritto alla mensa a danno di quest’ultima categoria e dei notturni.

Senza tralasciare, però, neppure la questione delle indennità, ferme al secolo scorso, e un aumento della precarietà nelle carriere organizzative e professionali che scaturirebbe dalle nuove regole.