Il Segretario Nazionale NurSind, Andrea Bottega, in occasione dei due giorni di sciopero proclamati dal NurSind, a difesa del lavoratore e contro un Contratto Vergognoso e di natura puramente politica, nel video che segue spiega le motivazioni che hanno portato ad un fermo no alla Firma del nuovo CCNL comparto sanità.

Un no alla firma della pre-intesa ed un altrettanto rifiuto della firma di quella che sarà la stesura finale.

Grazie al sindacato infermieristico, gli Infermieri, sono stati presenti al tavolo contrattuale, avendo così avuto modo di conoscere cosa si stava tramando a discapito del lavoratore.

Lo sciopero del 23 febbraio, lo sciopero di 48 ore appena trascorso, la stampa, le prese di posizione, sono serviti a mettere in crisi questa macchina infernale che vuole cancellare i diritti, conquistati con il sangue.

La presenza di NurSind a quel tavolo e tutte le azioni fatte dopo sono state fondamentali, pur non rappresentando la maggioranza.

L’unico modo per rappresentare la categoria infermieristica in contrattazione decentrata è il voto degli elettori a queste elezioni RSU, diversamente questo sindacato, e quindi gli infermieri non potranno entrare nella trattativa di secondo livello, perché NurSind ha scelto di non firmare il contratto, scelta che penalizza la struttura sindacale ma, rende onore a chi il NurSind Rappresenta, gli Infermieri.

L’invito finale di Andrea Bottega è quello di votare il NurSind alle imminenti RSU, in modo da poter avere la gusta forza ai tavoli aziendali, nella difesa del lavoratore.