Sono stati distribuiti a medici ed infermieri: 200 fischietti, utili a difendersi dalle aggressioni.

E’ il progetto partito in via sperimentale nella Ulss 4 Veneto orientale ed avrà la durata di 6 mesi.

L’escalation di violenza a discapito del personale sanitario è un fenomeno dilagante anche in Veneto, s è passati dai 23 casi registrati nel 2016 ai 47 del 2017: violenza verbale, spinte, schiaffi e pugni.

I duecento fischietti sono stati distribuiti al personale dei Pronto Soccorso di San Donà di Piave, Portogruaro e Jesolo; della Psichiatria, del Servizio per le Dipendenze, Centro di Salute Mentale e del Consultorio Familiare di San Donà di Piave e di Portogruaro.

Oltre al fischietto, il personale riceverà anche le relative istruzioni sulle modalità di impiego che saranno differenti in relazione al contesto di utilizzo.

Il fischietto verrà utilizzato dall’operatore in caso di pericolo per richiamare l’attenzione dei colleghi o di altre persone che possono così accorrere in aiuto, allo stesso tempo può favorire nell’aggressore la consapevolezza di essere in una situazione limite e che la  “vittima” non è sola".“

 

 

Da il Gazzettino.it Venezia- Mestre

ph credit: dal web