Oggi pomeriggio, l'Avvocato Pietro Siviglia, che ha condotto alla vittoria 10 colleghi Infermieri ricorsisti, ha emanato un comunicato a mezzo stampa, nel quale fa sapere che "il TAR CALABRIA Sezione di Reggio Calabria con sentenza  pubblicata in data odierna e recante il n. 539/2018 ha annullato il Bando di concorso indetto dal Grande Ospedale Metropolitano Bianchi-Melacrino­-Morelli per l’assunzione di  n. 7 infermieri a tempo indeterminato (di cui 3 riservati) ai sensi dell’art.1, comma 543, III periodo della l.208/2015 e dall’art. 20 del d.lgs n. 75/2017 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 30.01.2018”.

 

L'Avvocato procede spiegando che “in particolare, il TAR reggino, su istanza di 10 infermieri calabresi in servizio a tempo indeterminato in altre regioni e dallo scrivente rappresentati, respingendo le speciose e formalistiche difese dell’Azienda Ospedaliera, ha annullato il bando concorsuale in quanto emanato, relativamente ai 4 posti non destinati alla stabilizzazione, in aperta violazione dell’art. 30, comma 2bis, Testo Unico del Pubblico Impiego che impone, prima di procedere alla copertura di posti vacanti tramite nuove assunzioni, di ricorrere alla mobilità volontaria anche scorrendo le graduatorie di abilità ancora vigenti ove, per l’appunto, si trovano inseriti i miei assistiti”.

Vi tramettiamo, per conoscenza, la sentenza visionabile al seguente link

 

Indubbiamente spiace a tutti per le migliaia di colleghi, soprattutto per i più giovani, che attendevano da anni la possibilità di poter concorrere per un posto nell'ospedale del proprio territorio.

Al contempo, è giusto condividere la gioia di tanti colleghi "in esilio" da anni, che avranno adesso la possibilità di rimpatriare.