E’ nuovamente bufera sul numero unico 112, i familiari di un uomo, di 81 anni, colpito da ictus hanno atteso oltre quaranta minuti prima di poter accedere al servizio di emergenza.

La nuova gestione del Sistema emergenza con il NUE 112, non è stata accolta da unanime consenso, sono molte le perplessità espresse dagli stakeholders, così come quelle espresse da NurSind più volte, di concerto insieme alle Forze dell’ordine ed ai Vigili del Fuoco.

Nei media e social si susseguono le segnalazioni di ritardi nell’invio dei soccorsi adeguati.

Quarantacinque minuti di attesa al telefono per poter raggiungere telefonicamente il 112 numero unico, la centrale è stata subissata di chiamata, per allagamenti di cantine, tetti scoperchiati, auto bloccate. Secondo la denuncia dei sindacati il caso di Orbassano dimostra negativamente l’effetto imbuto della centrale unica.

Adesso l’anziano signore è ricoverato all’Ospedale di Orbassano, in condizioni gravissime.

 

Il caso è stato denunciato anche dai sindacati, che sottolineano il malfunzionamento dell'intero sistema: "Un modello che convoglia nello stesso calderone un tetto pericolante, una cantina allagata, una richiesta di informazioni o, come nel nostro caso, un grave problema di salute, è quanto di più distante dall'idea di un sistema di emergenza efficace". Per affrontare i problemi legati al numero unico di emergenza è stato organizzato un evento, che avrà luogo a febbraio 2019, nel corso del quale il sistema del 112 verrà analizzato e valutato da una serie di esperti. Poi verrà prodotto un documento, che verrà sottoposto ai politici, nel tentativo di migliorare il sistema di emergenza.

 

articoli correlati:

Torino, numero unico dell'emergenza 112. Modello organizzativo inefficace e rischioso.

NUE 112 in Italia funziona? Molte le segnalazioni di ritardi