Il NurSind invia una nota alla Direzione Generale dell'Azienda Ospedaliera di Cosenza, riscontrando una non conformità nel Bando di Mobilità.

"Vogliamo esclusivamente tutelare i diritti dei colleghi infermieri che intendono concorrere".

"Tra i requisiti di partecipazione - afferma il Segretario Territoriale NurSind di Cosenza, Cosimo Vincenzo Buonofiglio -  rileviamo con stupore come venga richiesto già alla data di scadenza del Bando il possesso della dichiarazione attestante l’assenso preventivo e incondizionato alla mobilità/trasferimento rilasciato dall’Azienda di provenienza (e non alla mera partecipazione all’avviso)”.

Il Coordinamento NurSind Calabria, guidato da Vincenzo Marrari, scrive nella nota:  "intende mettere a conoscenza l'Azienda che il CCNL comparto sanità 2016/2018 all’art 52 lettera 2 punto f) prevede che, fermo restando che l’attivazione della mobilità il consenso dell’Ente o Azienda di appartenenza, la partecipazione al Bando può avvenire anche senza il preventivo assenso della stessa”.

"Pertanto, rileviamo dei profili di illegittimità - continuano -  nella pretesa di possedere l’assenso preventivo ed incondizionato per la partecipazione al Bando, e chiediamo quindi una urgente modifica/rettifica dello stesso, in conformità a quanto previsto dal vigente CCNL".

"Un eventuale inadempimento in tal senso - concludono dal NurSind - esporrebbe i colleghi aspiranti ad un leso diritto di prendere parte al Bando oltre che all’apertura di contenziosi legali. Tanto si doveva, nell’esercizio del nostro dovere di sorveglianza e tutela sui diritti dei colleghi Infermieri".

Bando Mobilità Infermieri A.O. Cosenza

Nota NurSind Calabria