Marianne e Margaritha, infermiere austriache che a vent'anni lasciarono il loro Paese per rispondere alla richiesta di aiuto proveniente da Sorokdo, piccola isola della Corea del Sud dove furono ammassati migliaia di lebbrosi sia ad opera del governo giapponese prima e di quello coreano in seguito. Una vera e propria colonia di esiliati soggetti a lavori forzati, sterilizzazione e fame.
L'idea di proporre il premio Nobel è partita dai rappresentanti del governo locale per poi arrivare al Primo Ministro sud Coreano, sostenuta sopratutto dall'Associazione delle Infermiere Coreane (KNA) che ora hanno coinvolto l'International Council of Nurses che, dall'autorevolezza del loro sito istituzionale  invitano infermiere e infermieri di tutto il mondo oltre che i cittadini, a sottoscrivere la petizione per la loro candidatura al premio Nobel.
Marianne Stöger si prese cura dei pazienti per 43 anni dal 1962, e così fece Margaritha Pissarek per 39 anni dal 1966. Venivano come infermiere, ma lo staff le chiamava "Suore", e i pazienti li chiamavano "Grannies". La stampa si riferisce a loro come "Angels of Sorokdo Island".

"I pazienti furono doppiamente sorpresi quando arrivarono le infermiere. Il primo era il loro aspetto; i pazienti non avevano mai visto uno straniero con occhi azzurri e capelli biondi.
Il secondo era il modo in cui trattavano i pazienti. Mentre i medici dell'ospedale si armavano di maschere e guanti e facevano sedere i pazienti il più lontano possibile durante il trattamento, le due nuove infermiere indossavano solo camici bianchi e curavano le dita delle mani e dei piedi accartocciate senza guanti e applicate direttamente disinfettante per ogni parte del loro corpo.
Trattarono i pazienti a mani nude e non si curarono nemmeno quando i loro volti furono spruzzati di sangue e pus dalle ferite. Erano i pazienti, non le infermiere, che erano più spaventati.
Inoltre, le infermiere hanno chiesto al Movimento delle donne cattoliche austriache di ottenere più medicine quando la fornitura si esauriva. Hanno perfino costruito dei reparti per i pazienti affetti da tubercolosi, cecità e malattie mentali. Il sostegno finanziario che proveniva dalla sorellanza cattolica era speso per comprare spuntini per i pazienti.
La stanza di 10m2 che occupavano aveva solo una piccola cassettiera. Tranquillamente, ma con ferma determinazione, si dedicarono a prendersi cura dei pazienti per 40 anni e il numero di pazienti diminuì da 6.000 a 600. Quando la loro salute cominciò a deteriorarsi nel novembre 2005, silenziosamente tornarono in Austria lasciando semplicemente un biglietto dicendo che non volevano essere un peso per l'ospedale.
Le infermiere Marianne e Margaritha ruppero il pregiudizio sociale che le persone avevano nei confronti dei malati di Hansen servendoli con dignità. Oggi è consuetudine nell'ospedale Sorokdo che le infermiere servano i pazienti a mani nude. Il loro servizio dedicato ha creato un "Paradiso per i lavoratori volontari" sull'isola di Sorokdo, che è affollata ogni anno da volontari medici e altri volontari provenienti da ogni parte della nazione.
Sono tornati in Austria senza chiedere alcun risarcimento e vorremmo onorare il loro sacrificio e la loro dedizione come bene prezioso per l'umanità.
Il loro amore ha trasformato l'isola di Sorokdo in un'isola di guarigione e speranza, e inoltre ha lasciato una profonda impressione nei cuori dei cittadini globali."
La partecipazione online è disponibile visitando il seguente URL per partecipare alla petizione da un milione di firme che richiede la raccomandazione delle infermiere Marianne e Margaritha per il Nobel per la pace.