Dopo aver ottenuto ieri, la fiducia alla Camera con 368 sì e 105 no, oggi il Governo ottiene la fiducia anche in Senato con 169 senatori favorevoli e 99 contrari.

Quella che si paventava potesse essere una fiducia non poi così scontata per via del parere contrario dei verdiniani di ALA, si è risolta con l’avvio definitivo al Governo Gentiloni.

Contrari alla fiducia M5S, Forza Italia, Sinistra Italiana e Cor, non hanno invece votato Lega Nord e ALA.

A favore della fiducia il PD, la senatrice Serenella Fucksia (ex M5S), il senatore Dario Stefano (ex Sel) e Giorgio Napolitano.

Gentiloni, nel discorso post fiducia, ha ribadito il concetto di “Governo di Responsabilità”, ha dichiarato di voler dare a questo Paese una seria e dignitosa legge elettorale, ma non si è sbilanciato sui tempi, definendo la durata del suo Governo, dettata dalla Costituzione,

I primi interventi di questo Governo saranno a favore del sostegno alle banche ed a favore delle zone colpite dai recenti terremoti.

Altri punti in agenda sono: lavoro, giustizia, diritti, norme sulla pensione e lavoro.

Siamo dunque all’ alba di questo “nuovo” Governo dall’aria un po' rétro, che sembra abbia intenzione di governare a lungo, nonostante sia chiaro che questo Paese abbia voglia di tornare alle urne quanto prima.

 

Fonte: Governo, via libera del Senato alla fiducia con 169 sì