Sembra aprirsi uno spiraglio nella vergognosa vicenda torinese degli infermieri costretti ad accettare, pur di lavorare, contratti da “operai”, obbligati ad assumere una doppia valenza, infermieri di giorno ed addetti alle pulizie di notte(clicca qui per leggere la notizia) ; dopo la segnalazione all’Ipasvi di Torino, ad opera di alcuni valorosi professionisti, su quanto accadesse in molte di queste cooperative sociali, la Vicepresidente, Barbara Chiapusso, ha provveduto celermente a segnalare la vicenda all’ispettorato del lavoro ed ai Nas, ai coordinatori dei Corsi di Laurea dell’Università ed alla sede dell’assessorato alla sanità, chiedendo un incontro ad Antonio Saitta, che domani 12 gennaio, alle ore 16, nella sede dell’assessorato alla Sanità, ascolterà quanto avranno da dire la presidente e la vice presidente del Collegio Ipasvi di Torino, Maria Adele Schirru e Barbara Chiapusso, insieme affronteranno le tematiche sulle condizioni di lavoro e l’appropriatezza di impiego delle risorse umane, da parte di alcune cooperative, nelle case di riposo e nelle Rsa.

Da alcune dichiarazioni dell’assessore alla sanità, si evince la chiara intenzione di valutare la revoca delle convenzioni alle cooperative sociali e cliniche private che propongono surreali agli infermieri.

Per realizzare ciò, Saitta, promette di partire proprio dalla realizzazione dell’ Osservatorio della salute, chiesto dal Collegio Ipasvi, che ha inoltre proposto il potenziamento delle commissioni di vigilanza delle aziende sanitarie.

Fonti :

http://www.vocepinerolese.it/articoli/2017-01-10/pinerolese-barbara-chiapusso-lotta-difesa-degli-infermieri-10729