Abusivismo.Io sto con l’infermiere”, è questo lo slogan della campagna di sensibilizzazione, promossa da Ipasvi Pisa.

Dopo l’Ipasvi di Teramo è la volta del Collegio pisano di dire NO al fenomeno dell’abusivismo in sanità.

Denuncia i falsi infermieri”, è l’appello rivolto all’utenza, con lo scopo di mettere in guardia i cittadini, da chi svolge pratiche infermieristiche abusivamente, invitandoli a rivolgersi solo agli infermieri iscritti al Collegio Ipasvi, alla Cassa di previdenza sociale ed in possesso di un’assicurazione professionale.

Quello dell’abusivismo è un fenomeno in crescita esponenziale, ed i casi balzati alla cronaca recentemente, sono solo la punta dell’ iceberg.

In Italia si stimano almeno 30mila falsi professionisti con titoli di studio e curriculum artefatti, la metà di questi si trovano in ambito sanitario; e non rappresentano sono una truffa ai danni dello Stato e del professionista vero, ma un reale pericolo per la salute del cittadino.

(http://www.infermieristicamente.it/articolo/7921/abusivismo-professionale-in-sanita-si-deve-fare-di-piu/)

In attesa che si intervenga a livello legislativo al fine di inasprire le pene di chi abusa della professione sanitaria, l’Ipasvi Pisa, lancia l’allarme.

Un allarme che sia da monito e che riporti la questione al centro del dibattito, che accenda i riflettori su una piaga della nostra professione che penalizza e squalifica i professionisti veri e e compromette la salute del cittadino.

La campagna di sensibilizzazione, che ha preso il via oggi, 22 settembre, campeggerà con la cartellonistica sugli autobus di Pisa e provincia.