Iscriviti alla newsletter

Carico di lavoro eccessivo e stipendio basso. 200 infermieri non si presentano in servizio

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 05/08/2020 vai ai commenti

CoronavirusEsteroGlobal Nurse

 

Nonostante le nostre difficoltà, ci siamo occupati dei pazienti Covid, ma ora siamo sopraffatti dal lavoro”, ad affermarlo un’infermiera di uno degli ospedali più grandi dell’India.

Circa 200 infermieri dell'ospedale Jehangir da domenica non si sono presentano in servizio, lamentando bassi salari e carico di lavoro eccessivo.

I negoziati per giungere a un compromesso sono stati infruttuosi questo ha spinto 200 infermieri a boicottare i turni di servizio da domenica: le autorità ospedaliere si sono rifiutate di accettare la richiesta di un aumento di stipendio ed hanno dichiarato che non assumeranno nuovo personale sanitario per diminuire l’eccessivo carico di lavoro.

In una dichiarazione a tarda notte di lunedì, i vertici ospedalieri hanno fatto sapere che stavano facendo di tutto per venire incontro agli infermieri, compreso il pagamento tempestivo degli stipendi e alcune indennità speciali, ma che non sarebbero stati in grado di aumentare gli stipendi.

Questo non è servito a placare gli animi degli infermieri. "Le nostre richieste sono legittime, soprattutto dopo turni di lavoro giornalieri di 12 ore, senza pause, senza riposi o indennità covid, abbiamo lavorato per una miseria”, ha detto un'infermiera di 50 anni in ospedale.

Gli infermieri vengono pagati da un minimo di 12000 Rs a 14000 Rs al mese. “Va benissimo chiamarci guerrieri Covid. Ma con uno stipendio mensile di Rs 12.000, è difficile far quadrare i conti”.

L'ospedale di Jehangir ha attualmente circa 150 pazienti Covid19, 20 dei quali ricoverati in terapia intensiva.

Un gruppo di infermieri che da domenica non si presentano a lavoro hanno incontrato il direttore distrettuale Naval Kishore Ram per cercare supporto alle loro richieste: ore di servizio che non superino le sei ore, giorni di riposo e Dpi, ha dichiarato Jibin TC, presidente della United Nurses Association.

Matthew John, segretario congiunto dell'associazione, ha dichiarato a The Indian Express che è necessario mantenere il rapporto tra pazienti e infermieri stabilito dalle linee guida del Consiglio infermieristico indiano. "Gli infermieri si sono lamentati del fatto che non hanno ricevuto alcuna indennità di rischio o indennità COVID per lavorare nei reparti COVID e che le loro richieste non sono state soddisfatte nonostante abbiano sollevato questi problemi più volte con la direzione", ha affermato.

L'ospedale dal canto suo sta chiedendo a tutto il personale di tornare al lavoro e ha affermato che l'agitazione è contraria "all'etica e all'etica della professione infermieristica", dichiarando inoltre di essere stata molto paziente e di supporto nell'affrontare le questioni sollevate dal personale infermieristico ed ha assicurato che gli stipendi sarebbero stati pagati in tempo e che sarebbe stato elargito un sussidio speciale per il personale che lavora nelle aree COVID19. Inoltre, è stata prestata particolare attenzione a vitto, trasporto ed alloggio. Le sistemazioni dell'ostello e i pasti sono stati curati dall'ospedale. Trattamento offerto gratuitamente non solo al personale, ma è esteso anche ai membri della loro  famiglia che sono Covid 19 positivi ", ha affermato in una nota.

 

 da IndianExpress

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA