La scelta è quella di costituire un fondo mettendo a disposizione una mensilità per chi avrà un figlio entro un anno; ad attuare questo tipo di politica aziendale, volta a contrastare il calo delle nascite, è l ’Agenzia interinale di Padova, Eurointerim.

 

Gli ultimi dati Istat raccontano di un Italia come un “paese per vecchi”, la curva demografica è drasticamente in discesa: nel 2016 in Italia sono nati 473.438 bambini, oltre 12 mila in meno rispetto al 2015. Nell’arco di 8 anni (dal 2008 al 2016) le nascite sono diminuite di oltre 100 mila unità.

La fase di recessione della natalità che si è avviata con la crisi è caratterizzata da una diminuzione soprattutto dei primi figli, passati da 283.922 del 2008 a 227.412 del 2016 (-20% rispetto a -16% dei figli di ordine successivo).

Per quanto riguarda la situazione veneta, nel 2016, la popolazione era di 4.907.529 con una variazione % su anno precedente di -0,15%. Negli ultimi anni la natalità padovana è scesa dall'8% al 6,8%, complessivamente un calo dell’1,2%.

 

L’azienda interinale ha così pensato di incentivare la natalità:

  • flessibilità dell'orario lavorativo

  • benefit che permettano al lavoratore di conciliare lavoro e vita privata

  • per il 2018-2019 un incentivo alla natalità, ogni dipendente dell'Azienda, sia fisso che somministrato, verrà riconosciuta circa una mensilità in più alla nascita di un figlio.

 

Da Quotidiano Sanità