L'ossigenoterapia è la somministrazione di ossigeno a concentrazioni più elevate di quanto ce ne siano nell'aria ambiente (20,9%) che si rende necessaria in quelle situazioni che comportano una riduzione dei livelli di ossigeno (PaO2) nel sangue.

L’ossigeno (O2) viene prodotto e venduto come gas medicinale ed è un farmaco a tutti gli effetti (DLvo 219/06). Essendo la molecola più importante per la sopravvivenza dell’organismo umano, il suo utilizzo clinico è spesso determinante per la sopravvivenza di un paziente

 

Studi precedenti (Heiring, Steensberg, Bjerager, & Greisen, 2015; Ringbaek, Viskum, & Lange, 2002) hanno rivelato che la somministrazione di ossigeno a lungo termine e a basso flusso in alcune malattie croniche (come la broncopneumopatia cronica ostruttiva) può non solo migliorare i sintomi dell'ipossia, ma anche ridurre la durata della degenza ospedaliera e prolungare l'aspettativa di vita. 

Le cannule nasali sono lo strumento più utilizzato per la somministrazione di ossigeno in ospedale e in comunità; l'ossigeno fornito può o meno essere umidificato: in particolare, l'ossigeno viene regolarmente umidificato in Cina e Giappone ogni volta che vengono somministrate terapie con ossigeno a basso o alto flusso; tuttavia, in Europa e Nord America, l'ossigeno non viene umidificato in ossigenoterapia a basso flusso.

La linea guida della pratica clinica AARC (revisione e aggiornamento del 2007) hanno suggerito che l'umidificazione dell'ossigeno non è necessaria se viene fornita agli adulti dalla cannula nasale a portate ≤4 L / min (Aarc 2007 ). Tuttavia, diverse linee guida supportano l'umidificazione dell'ossigeno inalato durante l'ossigenoterapia a lungo termine e a basso flusso.

 

Sull’utilizzo o meno dell’ossigeno umidificato o non è stata fatta una revisione della letteratura.

 

I risultati

I risultati della revisione indicano che la somministrazione di ossigeno non umidificato e umidificato non forniscono differenze di effetto su naso secco, naso e gola asciutti, sangue dal naso, fastidio al torace, ed alterazione della SpO 2.

L'ossigeno non umidificato permette la riduzione della contaminazione batterica, diminuendo le infezioni respiratorie. Pertanto, l'uso di ossigeno non umidificato sembra essere migliore dell'ossigeno umidificato nella ossigenoterapia a basso flusso

Negli ultimi decenni, l'umidificazione dell'ossigeno inalato durante l'ossigenoterapia a basso flusso è stata considerata superflua dato che l'ossigeno non è facilmente solubile in acqua (Miyamoto, 2004).

Un recente studio (Franchini et al., 2016 ) ha dimostrato che non offre alcun vantaggio nella promozione della clearance mucociliare, dell'idratazione del muco e della funzione polmonare. Pertanto, molte linee guida correlate (Aarc 2007 ; O'Driscoll et al., 2008; O'Driscoll et al., 1995) hanno raccomandato l'uso diretto di ossigeno non umidificato nella ossigenoterapia a basso flusso

La revisione ha rivelato che l'ossigeno non umidificato offre maggiori vantaggi nel ridurre le contaminazioni e l’incidenza delle infezioni respiratorie senza aumentare l'incidenza di altre complicanze.

Le contaminazioni batteriche del gorgogliatore sono strettamente correlate alle infezioni respiratorie (Kobayashi, Yamazaki e Maesaki, 2006 ), le condizioni umide del gorgogliatore con acqua all'interno possono essere più adattabili alla proliferazione batterica. Un sondaggio (Li, Wang, Zhong, et al., 2010) ha riferito che il tasso di contaminazione batterica del gorgogliatore con acqua all'interno dopo 24 ore di ossigenoterapia ha raggiunto il 57,5%, mentre il gruppo di ossigeno non umidificato è solo del 44,2%, con i tre principali batteri che sono Staphylococcus aureus , Escherichia coli e Bacillus.

 

 

Conclusione

L'ossigeno non umidificato sembra essere di maggior beneficio dell'ossigeno umidificato nella ossigenoterapia a basso flusso. Tuttavia, alcuni fattori ambientali come l’umidità della stanza e individuali come la presenza di malattia toracica, dovrebbero essere considerati quando si considera la necessità di umidificare l'ossigeno.

 

Da: Is humidified better than non-humidified low-flow oxygen therapy? A systematic review and meta-analysis.

.