Iscriviti alla newsletter

100 euro netti in busta paga dal 1°luglio. In Gazzetta ufficiale il decreto sul taglio del cuneo fiscale

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 06/02/2020 vai ai commenti

AttualitàLeggi & Sentenze

E’ stato pubblicato ieri nella Gazzetta Ufficiale (la .29 del 5 febbraio), il decreto legge 3 sul taglio del cuneo fiscale.

 

Il super bonus scatterà dal 1°Luglio ed interesserà 16 milioni di dipendenti tra pubblici e privati con reddito fino ai 40 mila euro.

A beneficiarne saranno soprattutto i lavoratori dipendenti con redditi fino a 35mila euro annui.

Restano esclusi gli oltre 4 milioni di contribuenti che rientrano nella no tax area, vale a dire coloro che hanno redditi fino a 8.000 euro l’anno; per costoro, tuttavia, sono già operative una serie di agevolazioni, compreso il reddito di cittadinanza. 

Si prevede un doppio canale introducendo dal 1° luglio per i redditi fino a 28mila euro un bonus da 600 euro per i sei mesi del 2020 che diventano 1.200 euro a partire dal 2021. Mentre sopra questa soglia e fino a 40mila euro di reddito è introdotta per i soli sei mesi del 2020 una detrazione fiscale equivalente (pari a 480 euro rimodulati) che decresce fino ad arrivare al valore di 80 euro per un reddito di 35mila euro lordi, per ridursi progressivamente fino ad azzerarsi a 40mila euro.

Dal 1° luglio, come detto, il bonus Renzi di 80 euro aumenta a 100 euro netti mensili per chi ha un reddito annuo fino a 26.600 euro lordi. Chi, invece, percepisce un reddito da 26.600 euro a 28mila, finora escluso dunque dal bonus Irpef, beneficerà per la prima volta di un incremento di 100 euro al mese in busta paga.

 Vediamo in che modo ne beneficeranno i dipendenti in maniera schematica:

 

  • Con un reddito che va tra gli 8 e i 25 mila euro lordi l’anno, l’aumento sarà di 15 euro, che si vanno ad aggiungere agli 80 euro di bonus Renzi
  • Con un reddito che va dai 24 ai 26.600 mila euro lordi, l’aumento sarà di ulteriori 33 euro al mese
  • Con reddito che va dai 26.600 ai 35 mila euro lordi, l’aumento sarà di 95 euro.

La vera novità dell’operazione taglia cuneo riguarda i circa 4,5 milioni di lavoratori che guadagnano tra i 26.600 euro e i 35mila euro. A costoro infatti verranno estesi, totalmente o parzialmente, gli 80 euro, sempre sotto forma di detrazione, visto che oggi non li percepiscono.

 

da il sole 24Ore