Lo scorso otto marzo, presso l’Azienda Aso S. Croce e Carle Cuneo, CGIL, CISL e NURSING UP, durante il tavolo di contrattazione decentrata hanno apposto la loro firma su un accordo che sarà parte integrante del nuovo Contratto Integrativo Aziendale del triennio 2019-2021, e manco a dirlo un accordo peggiorativo di un contratto già penoso, che prevede:

  • I dipendenti che non hanno mai avuto il riconoscimento della vestizione (o che l'hanno avuto anche parzialmente) continueranno a non ricevere nulla
  • I dipendenti turnisti avranno un aumento delle indennità notturna di 30 cent all'ora (per un totale di 3 euro)
  • L'indennità di reperibilità: nessun aumento
  • Concessione Part time, solo per 50 dipendenti, ancora con criteri di definire
  • I Passaggi di fascia verranno assegnati, ma manca il reperimento dei fondi
  • Firmato l'accordo per gli incentivi per le funzioni tecniche 
  • Firmato l'accordo per i compensi degli avvocati

“Dall’accordo si evince come per gli Infermieri non ci siano che spiccioli, fatti passare per grandi vittorie, mentre per le altre posizioni i fondi per incentivi e compensi sono sempre cospicui e facilmente reperibili.

NurSind non ha firmato e non firmerà mai un simile accordo. Come sempre siamo una voce fuori dal coro”, conclude Canetti Davide, Segretario Territoriale Cuneo.