La pelle del paziente è una delle principali fonti di agenti patogeni che causano l'infezione del sito chirurgico, l'ottimizzazione dell'antisepsi cutanea preoperatoria può ridurre le infezioni postoperatorie.

Prima della metà del XIX secolo i pazienti chirurgici sviluppavano frequentemente nel postoperatorio una febbre irritativa, seguita da drenaggio purulento dalla ferita, esitando nella sepsi e spesso nel decesso. Tale realtà mutò a partire dal 1860 quando J. Lister introdusse i principi dell’antisepsi e la morbilità delle infezioni postoperatorie si ridusse sostanzialmente. Il lavoro di Lister ha modificato sostanzialmente la chirurgia da un’attività associata alle infezioni e alla morte ad una disciplina che poteva eliminare le sofferenze e prolungare l’esistenza.

In accordo alla definizione del National Nosocomial Infection Surveillance System (NNIS), per infezione del sito chirurgico (SSI, surgical site infection) è da intendersi un’infezione che si verifica entro 30 giorni dall’intervento chirurgico (o entro 1 anno se in seguito alla procedura chirurgica viene lasciato in situ un impianto, ovvero un corpo estraneo impiantabile, di origine non umana) e che può interessare il tessuto incisionale o profondo nel sito dell’intervento.

Le SSI possono essere classificate in incisionali e organo/spazio.

Tra le SSI incisionali si distinguono quelle superficiali - coinvolgimento esclusivo di cute o di tessuto sottocutaneo dell’incisione - e quelle profonde - coinvolgimento della fascia e/o dei muscoli).

Le SSI organo/spazio comprendono le infezioni che si manifestano in qualsiasi altro sito anatomico che sia stato aperto o manipolato nel corso dell’intervento chirurgico.

 

Nonostante l'implementazione di misure preventive preoperatorie, che includono la pulizia della pelle con iodio-povidone, l'infezione del sito chirurgico si verifica in 300.000 a 500.000 pazienti che subiscono un intervento chirurgico negli Stati Uniti ogni anno.

Poiché la pelle del paziente è una delle principali fonti di agenti patogeni, è concepibile che il miglioramento dell'antisepsi cutanea ridurrebbe le infezioni del sito chirurgico. 

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomandano di utilizzare preparati a base di clorexidina al 2% per pulire il sito di inserimento dei cateteri vascolari. Tuttavia, il CDC non ha emesso una raccomandazione su quali antisettici dovrebbero essere usati preoperatoriamente per prevenire l'infezione del sito chirurgico postoperatorio nei 27 milioni di operazioni eseguite ogni anno negli Stati Uniti. Inoltre, nessuno studio pubblicato randomizzato ha esaminato l'effetto di una preparazione antisettica rispetto a un'altra sull'incidenza dell'infezione del sito chirurgico. 

Lo studio qui preso in esame, pubblicato su ha confrontato l'efficacia della clorexidina-alcool con quella dello iodopovidone per prevenire le infezioni del sito chirurgico.

 

Risultati

Un totale di 897 pazienti è stato assegnato in modo casuale a un gruppo di studio: 431 al gruppo clorexidina-alcool e 466 al gruppo iodopovidone.

Degli 849 pazienti che si sono qualificati per l'analisi dell'intenzione di trattamento, 409 hanno ricevuto alcool clorexidina e 440 hanno ricevuto iodopovidone.

I pazienti nei due gruppi di studio erano simili per quanto riguarda le caratteristiche demografiche, le malattie coesistenti, i fattori di rischio per l'infezione, l'esposizione antimicrobica, la durata e i tipi di chirurgia.

Tutti i pazienti hanno ricevuto antibiotici profilattici sistemici un’ora prima dell'incisione iniziale e non vi sono state differenze significative nel tipo o nel numero di antibiotici somministrati ai due gruppi di studio.

Per i pazienti nella popolazione con intenzione di trattare, il tasso complessivo di infezione del sito chirurgico era significativamente inferiore nel gruppo clorexidina-alcool (9,5%) rispetto al gruppo iodopovidone.

L'alcool clorexidina è stato associato a un numero significativamente inferiore di infezioni incisive superficiali.

L'applicazione di clorexidina-alcool ha ridotto del 41% il rischio di infezione del sito chirurgico rispetto alla pratica più comune negli Stati Uniti di utilizzare lo iodopovidone. 

Questo grado di protezione è simile alla riduzione del 49% del rischio di infezione del flusso sanguigno correlata al catetere vascolare in una meta-analisi che ha mostrato la superiorità della disinfezione della pelle con soluzioni a base di clorexidina rispetto al 10% di iodopovidone. 

Sebbene entrambi i preparati antisettici possiedano un'attività antimicrobica ad ampio spettro, la protezione clinica superiore fornita dalla clorexidina-alcool è probabilmente correlata alla sua azione più rapida, all'attività persistente nonostante l'esposizione ai fluidi corporei e all'effetto residuo.

 

 

Da:

PVP Iodine vs Chlorhexidine in Alcohol for Disinfection of the Surgical Site

Rabih O. Darouiche, MD, Matthew J. Wall, Jr., MD, Kamal MF Itani, MD, Mary F. Otterson, MD, Alexandra L. Webb, MD, Matthew M. Carrick, MD, Harold J. Miller, MD, Samir S. Awad, MD, Cynthia T. Crosby, BS, Michael C. Mosier, Ph.D., Atef AlSharif, MD, e David H. Berger, MD

The new England Journal of Medicine