Iscriviti alla newsletter

La trasmissione area del Covid non è dominante. Cruciali durata dell’esposizione e difese dell’ospite

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 16/07/2020 vai ai commenti

CoronavirusProfessione e lavoroStudi e analisi

La pandemia della malattia di coronavirus 2019 (COVID-19) ha risvegliato il dibattito di lunga data sulla misura in cui i virus respiratori comuni, inclusa la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), vengano trasmessi attraverso goccioline respiratorie rispetto agli aerosol.

Le goccioline sono classicamente descritte come entità più grandi (> 5 μm) che cadono rapidamente a terra con la forza di gravità, in genere entro 1-2 metri dalla persona che le emette. Gli aerosol sono particelle più piccole (≤5 μm) che evaporano rapidamente nell'aria, lasciando dietro di sé nuclei di goccioline sufficientemente piccoli e leggeri da rimanere sospesi nell'aria per ore (analogo al polline).

 

Determinare se le goccioline o gli aerosol predominano nella trasmissione di SARS-CoV-2 ha implicazioni critiche. Se la SARS-CoV-2 viene diffusa principalmente da goccioline respiratorie, indossare una maschera medica, una visiera o allontanarsi di 2 metri dagli altri individui dovrebbe essere adeguato per impedire la trasmissione. Se, tuttavia, SARS-CoV-2 è trasportato da aerosol che possono rimanere sospesi nell'aria per periodi prolungati, le maschere mediche sarebbero inadeguate (perché gli aerosol possono penetrare e circumnavigare le maschere), gli schermi facciali fornirebbero solo una protezione parziale (perché lì sono spazi aperti tra lo scudo e la faccia di chi li indossa) e i 2 metri di separazione non fornirebbero protezione dagli aerosol che rimangono sospesi nell'aria o sono trasportati da correnti.

 

Dati sperimentali supportano la possibilità che la SARS-CoV-2 possa essere trasmessa dagli aerosol (la cosiddetta trasmissione aerea) anche in assenza di procedure che generano aerosol (come intubazione o ventilazione a pressione positiva non invasiva). Gli studiosi hanno dimostrato che parlare e tossire produce una miscela di entrambe le goccioline e gli aerosol di diverse dimensioni, e che queste secrezioni possono viaggiare insieme fino a 8 metri,  è possibile quindi  che SARS-CoV-2 rimanga sospeso nell'aria per ore, che l'RNA SARS-CoV-2 può essere recuperato dai campioni di aria negli ospedali e che una scarsa ventilazione prolunga il tempo in cui gli aerosol rimangono sospesi nell'aria.

 

Molte di queste stesse caratteristiche sono state precedentemente dimostrate per l'influenza e altri virus respiratori comuni. Questi dati forniscono un utile quadro teorico per la possibile trasmissione basata su aerosol per SARS-CoV-2, ma ciò che è meno chiaro è in che misura queste caratteristiche portano a infezioni. Dimostrare che parlare e tossire può generare aerosol o che è possibile recuperare l'RNA virale dall'aria non dimostra la trasmissione basata sull'aerosol; l'infezione dipende anche dalla via di esposizione, dalle dimensioni dell'inoculo, dalla durata dell'esposizione e dalle difese dell'ospite.

 

Nonostante i dati sperimentali che suggeriscono la possibilità di trasmissione basata sull'aerosol, i dati sui tassi di infezione e le trasmissioni nella popolazione durante la normale vita quotidiana sono difficili da conciliare con la trasmissione a lungo raggio basata sull'aerosol. In primo luogo, la riproduzione di COVID-19, la sua diffusioneè  stimata in circa 2,5, il che significa che ogni persona con COVID-19 infettava in media da 2 a 3 altre persone. Questo numero di riproduzione è simile all'influenza e abbastanza diverso da quello dei virus che sono noti per diffondersi tramite aerosol come il morbillo, che ha un numero di riproduzione più vicino a 18. Considerando che la maggior parte delle persone con COVID-19 sono contagiose per circa 1 settimana, un numero di riproduzione da 2 a 3 è piuttosto piccolo dato il gran numero di interazioni e contatti personali che la maggior parte delle persone ha in circostanze normali entro un periodo di 7 giorni. O la quantità di SARS-CoV-2 necessaria per causare l'infezione è molto più grande del morbillo o gli aerosol non sono la modalità di trasmissione dominante.

 

Allo stesso modo, il tasso di attacco secondario per SARS-CoV-2 è basso. In una serie di casi sono stati valutati i contatti stretti dei pazienti con COVID-19 confermato e solo il 5% circa dei contatti viene infettato. Tuttavia, anche questo basso tasso di attacco non viene distribuito uniformemente tra i contatti stretti ma varia in base alla durata e all'intensità del contatto. Il rischio è più alto tra i membri della famiglia, in cui le velocità di trasmissione variano tra il 10% e il 40%.

Contatti stretti ma meno sostenuti come la condivisione di un pasto sono associati a un tasso di attacco secondario di circa il 7%, mentre l'interazione tra le persone lo shopping è associato ad un tasso di attacco secondario dello 0,6% .

 

Anche il tasso di attacco secondario tra gli operatori sanitari che si prendono cura inconsapevolmente di un paziente con COVID-19 mentre indossa solo maschere chirurgiche non usa alcun dispositivo di protezione individuale è basso; studi sulla trasmissione suggeriscono meno del 3% (le infezioni degli operatori sanitari documentate in questi studi sulla trasmissione sono state associate a procedure che generano aerosol o esposizioni prolungate con l'uso incoerente di maschere per il viso).

Le persone infette da SARS-CoV-2 possono produrre sia goccioline e aerosol su base costante ma la maggior parte di queste emissioni non infetta altre persone. Questo schema sembra più coerente con le secrezioni che cadono rapidamente a terra in un raggio ristretto della persona infetta piuttosto che con gli aerosol carichi di virus che rimangono sospesi nell'aria a livello del viso per ore dove possono essere inalati da chiunque nelle vicinanze. Un'eccezione può essere l'esposizione prolungata a una persona infetta in uno spazio scarsamente ventilato che consente l'accumulo di quantità altrimenti insignificanti di aerosol carichi di virus.

 

La potenziale capacità dei virus di diffondersi ampiamente e rapidamente tra gruppi strettamente chiusi in ambienti chiusi tramite meccanismi multipli non deve essere sottovalutata. Gli esperimenti con l'uso di fagi etichettati mostrano che i virus possono diffondersi da una singola maniglia della porta contaminata o dalle mani di 1 persona infetta a persone e attrezzature in un edificio per uffici in poche ore.

Queste avvertenze sono anche speculative e non escludono la possibilità di trasmissione basata su aerosol , in particolare in spazi affollati e poco ventilati, ma forniscono potenziali spiegazioni alternative per questi cluster.

 

La conoscenza della trasmissione SARS-CoV-2 è ancora limitata. Non ci sono dati sperimentali perfetti che provino o smentiscano le goccioline rispetto alla trasmissione basata su aerosol di SARS-CoV-2. L'equilibrio delle prove, tuttavia, sembra incoerente con la trasmissione a base di aerosol di SARS-CoV-2, specialmente in spazi ben ventilati.

Ciò significa in pratica che tenere a 2 metri di distanza dalle altre persone e indossare maschere chirurgiche , maschere in tessuto di alta qualità o schermi facciali quando non è possibile essere a meno di 2 metri di distanza (sia per il controllo della fonte che per la protezione delle vie respiratorie) dovrebbe essere adeguato per ridurre al minimo la diffusione di SARS-CoV-2 (oltre alla frequente igiene delle mani, pulizia ambientale e ottimizzazione della ventilazione interna).

Il bilancio delle prove attualmente disponibili suggerisce che la trasmissione basata sull'aerosol a lungo raggio non è la modalità dominante della trasmissione SARS-CoV-2.

 

da: Jama Network- Airborne Trasmission of Sars Cov-2

© RIPRODUZIONE RISERVATA