Continua lo stato di agtazione del NurSind, nell'Asl Toscana Nord Ovest, circa la dotazione organica degli infermieri.

"Assurdo pensare che 50 infermieri e 20 operatori socio sanitari per due mesi  rappresentino la soluzione alle carenze strutturali  per tutta l’area nord ovest.  Se consideriamo che  l’azienda è composta da 5 grandi ospedali e 10 zone territoriali, quei numeri equivalgono a 3 infermieri per struttura sanitaria. Una presa in giro". Lo dichiarano i segretari territoriali del NurSind di Pisa, Lucca, Livorno e Massa Carrara.  

"Per questo il tanto sbandierato accordo fra azienda nord ovest e i sindacati confederali  - affermano - è il classico stratagemma per gettare fumo negli occhi agli infermieri promettendo un aiuto inesistente  che non permetterà  in nessun modo di colmare le gravi carenze di personale e migliorare l’assistenza ai cittadini".

Il NurSind ha ricordato durante la riunione tenutasi in prefettura che:  (a Pisa per tutta l’azienda) "in ASL Nord Ovest sono oltre 400 gli infermieri che mancano e non per la contingenza delle ferie, ma per garantire assistenza adeguata durante tutto l’anno. In un’azienda dove ci sono centinaia di infermieri che hanno accumulato fino a 200 giorni di ferie e centinaia di ore di straordinario cosa si crede di fare con 50 infermieri per 2 mesi"?

Dal NurSind contestano anche: "il ricorso all’assunzione dall’agenzia interinale, spendendo il 10% in più e sfruttando così gli infermieri, quando è presente una graduatoria pubblica per assunzioni a tempo determinato a cui si potrebbe attingere per contratti più dignitosi".

I rappresentanti del NurSind inoltre aggiungono: "negli incontri in prefettura Il NurSind ha confermato la propria posizione riguardante le assunzioni, ma l’azienda non ha dimostrato aperture a riguardo e ha inoltre chiuso totalmente alla possibilità di incentivare gli infermieri costretti a coprire le assenze improvvise, autorizzando cosi il personale dirigenziale ad attivare gli ordini di servizio per coprire le mancanze di organico. Unico dato positivo, durante gli incontri il NurSind ha finalmente ottenuto le date per il pagamento dell’incentivo regionale per il personale del 118 atto dovuto da anni e raggiunto solo sotto la minaccia di portare l’azienda in tribunale. Causa che sarà avviata se l’azienda fin dal mese di luglio non manterrà la promessa di pagare quanto dovuto".

Il NurSind ribadisce che: "il comportamento aziendale non è rispettoso delle esigenze degli infermieri e della necessità di garantire una adeguata assistenza ai cittadini.  Per questo lo stato di agitazione non è stato revocato e si andrà allo sciopero se l’azienda a breve non dimostrerà  di voler intraprendere misure per l’assunzione di infermieri in pianta stabile".