Brutte notizie per tutti i dipendenti del comparto della ASL di Teramo, ancora una volta la cosiddetta TRIADE in contrattazione aziendale, ha regalato la produttività collettiva alla ASL consentendole di pagare lo straordinario con il fondo destinato alla produttività.

Il 14 marzo 2019 CGIL CISL e UIL hanno sottoscritto il Contratto Integrativo Aziendale e, a vedere come sono andate le cose, probabilmente senza neanche leggerlo (non sarebbe la prima volta che firmano senza leggere) autorizzando di fatto il trasferimento dei fondi dedicato alla produttività nel fondo dedicato allo straordinario.

"Mentre NurSind a luglio diffidava l’azienda all’utilizzo del fondo dedicato alla produttività per pagare lo straordinario per tutelare gli interessi dei lavoratori e delle lavoratrici del comparto, strano ci era sembrato il comunicato congiunto dove la triade invocava fondi regionali e chiedeva l’apertura di un tavolo per affrontare il tema produttività-straordinario, tema che è noto di competenza della Contrattazione Integrativa Aziendale", afferma Giuseppe De Zolt, segretario territoriale NurSind Teramo.

"Ora è tutto più chiaro- continua De Zolt -hanno fatto un pasticcio bello grosso e per cercare di recuperare fanno confusione, tirano dentro istituzioni territoriali, regionali e nazionali, scrivono due frasi populiste sul sacrificio che tutti i santissimi giorni NOI facciamo e sui disagi che viviamo sulla nostra pelle e quella dei nostri famigliari per poi dimenticarsi tutto quando è l’ora di contrattare e battere i pugni sul tavolo"

"Continueremo a lottare sperando di poter rimediare a questo errore ma per ora ci troviamo con le mani legate senza possibilità alcuna di pretendere indietro i NOSTRI soldi e dovremo accontentarci del residuo del fondo", conclude il segretario territoriale NurSind Teramo.

Ci si aspetterebbe un passo indietro da chi ha causato questo danno ma siamo certi che non ci sarà nessun mea culpa, anzi ci aspettiamo anche questa volta che la colpa di tutto sia imputata al NurSind.