Iscriviti alla newsletter

Infermieri/ostetriche. Come prevenire la caduta dei neonati/bambini in ospedale? Le strategie

La Redazionedi
La Redazione
Pubblicato il: 14/08/2020 vai ai commenti

NursingProfessione e lavoro

 

Gli infermieri possono identificare i fattori di rischio per le cadute dei neonati e intervenire in modo proattivo e invertire gli scenari di rischio, inoltre guidare il personale non infermieristico per aiutare a prevenire le cadute dei neonati e istruire i genitori

OGNI ANNO negli Stati Uniti, da 600 a 1.600 neonati subiscono una caduta in ospedale che provoca  lesioni che includono lividi, abrasioni, fratture del cranio, ematoma subdurale, soffocamento accidentale e morte.

In un recente studio presso il Texas Health Resources, gli scienziati hanno scoperto che gli operatori sanitari (compreso il personale non infermieristico che lavora nelle unità di maternità, come governanti, addetti alla dieta, cappellani, assistenti sociali, amministratori e personale di ricovero) non avevano familiarità con il termine "cadute di neonati". Un problema poco attenzionalto e quasi sottovalutato. Secondo Hodges e Gilbert, non sono stati condotti studi longitudinali su bambini che hanno subito cadute infantili, quindi non conosciamo le conseguenze a lungo termine.

L'American Nurses Association National Database of Nursing Quality Indicators definisce le cadute infantili come:

"Caduta in cui un neonato o un bambino tenuto o trasportato da un operatore sanitario, genitore, familiare o visitatore cade o scivola dalle mani, dalle braccia, dal grembo, ecc. Ciò può verificarsi quando un bambino viene trasferito da una persona all'altra. La caduta viene conteggiata indipendentemente dalla superficie su cui atterra il bambino (ad es. Letto, sedia o pavimento) e indipendentemente dal fatto che la caduta provochi lesioni. Le cadute in cui un bambino rotola giù da un letto, una culla, una sedia o un tavolo contano come cadute ".

Questa definizione non include le cadute derivanti da apparecchiature difettose o violazioni della sicurezza dei professionisti sanitari.

Prevenzione delle cadute

La prevenzione delle cadute infantili inizia con l'identificazione dei rischi. Una revisione della letteratura e dei rapporti sulla sicurezza ospedaliera indica che i rischi di caduta del neonato includono una varietà di caratteristiche materne e fattori ambientali. I rischi materni includono affaticamento, condizioni preesistenti e mancanza di consapevolezza. I rischi ambientali includono la mancanza di supervisione madre-figlio, posizione del letto e della culla e passaggi pedonali ostruiti.

  • Il sesso, i maschi cadrebbero più frequentemente rispetto alle femmine, è verosimile che i maschi partecipino a giuochi e ad attività più fisiche, mentre le femmine scelgono attività più tranquille. La letteratura è discordante, ci sono autori che confermano i dati riscontrati (Levene, 1991; Khambalia, 2006; Razmus, 2006) autori che descrivono il sesso femminile maggiormente implicato nelle cadute (Cooper, 2007) o ancora chi riporta che non vi è differenza tra i 2 sessi (HillRodriguez et al. 2009).
  • L’età, bambini con età inferiore ai 3 anni cadrebbero di più rispetto alle altre fasce d’età (Khambalia, 2006; Hill-Rodriguez et all.2009). Probabilmente i bambini più piccoli (13-35 mesi) sono desiderosi di compiere attività e piccoli compiti in autonomia, ma in un ambiente non abituale, la routine modificata, la separazione talora temporanea dai loro famigliari, possono infatti causare stress nei bambini più piccoli e contribuire alle loro cadute (Hockenberry et al. 2007).
  • Giorni di ricovero, uno studio di Neiman et al.( 2011) mostra che il 43% delle cadute avviene nei primi 5 giorni di ricovero. In generale, i bambini sono spaventati dal luogo ignoto nel quale si trovano. La presenza del personale sanitario a loro sconosciuto e pratiche quali la terapia endovenosa, presenza di drenaggi o cateteri vescicale incutono timore. Sembra che i primi giorni servano a loro per ambientarsi, per conoscere il nuovo mondo che li circonda e questo può influire sull’evento caduta.
  • La fascia oraria, uno studio (Levene et al. 1991) identifica la tarda mattinata, la sera e le ore notturne quelle più a rischio di cadute. I bambini, sono più attivi durante le ore diurne, soprattutto la mattina, desiderano uscire dal letto, giuocare, muoversi, fare attività occupazionali, e quindi sono più esposti al pericolo di incorrere in una caduta, mentre durante le ore pomeridiane verosimilmente sono abituati a riposare. Le cadute avvenute durante la notte potrebbero essere per lo più dovute al buio della stanza, i piccoli pazienti non si rammentano dove sono, non riconoscono l’ambiente, sono disorientati e ciò crea timore aumentando il rischio di caduta.
  • La presenza di un adulto, molti studi hanno mostrato un’alta percentuale di cadute avvenute alla presenza di un adulto, genitori o famigliari (Razmus et al. 2006). I genitori, durante il ricovero del proprio figlio, sono sottoposti a stress: il lavoro, poche ore di riposo, altri figli a casa, la preoccupazione circa la salute del loro figlio, pertanto è comprensibile che talvolta si possano distrarre anche per cose banali, come l’ingresso in camera dei sanitari, piuttosto che un parente, dal telefonino che squilla, si addormentano perché stanchi.
  • Stanza di degenza, Razmus et al. (2006) ha rilevato che i letti sono stati spesso coinvolti nelle cadute pediatriche. La maggior parte dei letti ospedalieri non sono progettati su misura in modo che i bambini piccoli possano entrare ed uscire dal letto facilmente senza incorrere nel rischio di cadere. Sempre la stessa fonte afferma che la presenza di spondine non garantisce la prevenzione delle cadute; si desidera evidenziare che nei casi studiati molte volte le spondine non sono alzate per distrazione (Tung et al. 2009). Talvolta bambini piccoli usano letti da adulto (per esempio nelle Terapie Intensive) aumentando il rischio di caduta. Le cadute dal letto potrebbero essere tra le più gravi, dovute all’altezza dalla quale si verificano.
  • Terapia farmacologica, assumere più di quattro farmaci, pone potenzialmente a rischio il paziente di incorrere in una caduta. Vari studi includono nei fattori di rischio l’assunzione della terapia in senso generale (Cooper et al. 2007). Un’analisi più approfondita potrebbe considerare i motivi per cui un bambino assume più di 4 farmaci, forse è affetto da una grave patologia, in fase acuta, tale da compromettere il suo stato di salute fisico e psichico e renderlo più vulnerabile alla caduta.
  • Assenza della terapia endovenosa, è considerata un fattore di rischio per le cadute. Molti autori sono concordi nel confermare questo dato (Child Health Corporation of American Nursing Falls Study Task force, 2009; Graf et al. 2011), in quanto limita la possibilità di movimento o gli “spazi” concessi al bambino.

Scenari di caduta infantile

Questi gli incidenti di caduta dei neonati che sono stati segnalati negli ospedali.

  • La madre si addormenta durante l'allattamento e il bambino scivola tra il materasso e la sponda.
  • Il padre che tiene in braccio un bambino si china per recuperare un ciuccio dal pavimento e il bambino cade dalle sue braccia.
  • Il padre che dorme su una sedia con il bambino sul petto è spaventato dai suoni ospedalieri e di riflesso spinge il bambino giù dal petto.
  • La madre con due gemelli su un cuscino per l'allattamento si gira per mettere un gemello nella culla e l'altro rotola via dal cuscino.
  • La madre inciampa in un ostacolo mentre cammina con il bambino.
  • La madre lascia cadere il bambino quando lo trasferisce nella culla perché è troppo lontano.

Quando le famiglie sono consapevoli dei rischi e gli infermieri e altro personale ospedaliero li monitorano attentamente e intervengono, è possibile evitare le cadute dei neonati.

 

Formazione del personale

Gli infermieri possono educare tutto il personale ospedaliero e le famiglie alla responsabilità condivisa a segnalare i rischi di caduta del neonato. Anche nelle organizzazioni senza supporto educativo, il personale può ridurre sostanzialmente i tassi di caduta dei neonati utilizzando le raccomandazioni della Commissione congiunta, che includono sette passaggi per guidare la prevenzione:

  • Sviluppare uno strumento di valutazione per identificare chi è a rischio. Stabilisci un linguaggio comune in modo che tutti eseguano le valutazioni allo stesso m0do.
  • Percorso di formazione ed educazione dei genitori personalizzata, esortandoli a chiedere aiuto quando avvertono il pericolo
  • Aiutare le madri stanche o altri assistenti a sistemare i bambini nelle culle.
  • Promuovere il riposo materno.
  • Segnalare in cartella quelle situazioni di alto rischio caduta.
  • Sviluppare uno strumento standardizzato per la rendicontazione e il debriefing delle cadute dei neonati per registrare dati importanti, che aiuteranno l'organizzazione a comprendere i rischi e promuovere un'assistenza post-caduta coerente.
  • In caso di caduta, fornire supporto emotivo alla famiglia o al personale sanitario coinvolto che potrebbe soffrire di stress emotivo.

Tutto il personale ospedaliero che interagisce con madri e bambini dovrebbe avere familiarità con i fattori di rischio materni e ambientali. Incoraggiare chiunque entri in una stanza madre-bambino a identificare e segnalare i rischi.

Educazione familiare

L'educazione alla prevenzione delle cadute dei neonati dovrebbe continuare anche  alla dimissione. Oltre alle informazioni standard sul sonno sicuro, educare le famiglie verbalmente e per iscritto sui fattori di rischio materni e ambientali a casa. Ad esempio, ricorda alle famiglie che nell'entusiasmo di avere un nuovo bambino possono sottovalutare il loro livello di affaticamento. Incoraggia le madri a chiedere aiuto con il bambino per evitare l'esaurimento e per riposare quando il bambino dorme. Istruire le madri che assumono antidolorifici o altre sostanze che possono causare sonnolenza o alterazione del giudizio di chiedere assistenza con il bambino. Insistere affinché chiunque si prenda cura del bambino sia completamente vigile e concentrato sulla sicurezza.

Prevenzione pratica

  • rendere più sicuri gli spazi di degenza mediante la predisposizione di dispositivi di sicurezza (ad esempio sponde del letto o la presenza di maniglie e di superfici anti scivolo)
  • rendere più consapevoli i genitori del rischio di cadute fornendo loro informazioni specifiche ed indicazioni mirate (ad esempio far indossare al bambino calzature anti scivolo).

 

  • Eseguire una dettagliata valutazione del rischio di caduta; valutare nuovamente il rischio ad ogni cambiamento significativo dello stato psichico, motorio o sensoriale
  • Rendere identificabili i pazienti ritenuti a rischio con codici colore, contrassegni, codici a barre o altri sistemi
  • Formulare dei piani di assistenza individualizzati per prevenire le cadute
  • Valutare gli orari di somministrazione della terapia farmacologica in maniera, se possibile, da minimizzare il rischio di cadute
  • Far indossare al bambino calzature anti scivolo
  • Eseguire controlli regolari, tenere la porta della stanza aperta
  • Valutare la capacità del care giver di porre dei limiti al bambino
  • Fornire informazioni ai genitori in merito a:

− fattori di rischio per le cadute

− tecniche per il trasferimento o per il supporto alla deambulazione

− uso appropriato delle spondine

 

Codificare a livello aziendale le seguenti attività:

− accompagnare il bambino ed i genitori nella stanza ed al letto

− utilizzare opportuni ausili alla deambulazione

− mantenere la superficie del pavimento asciutta e libera da oggetti che possono far inciampare il bambino o il genitore

− se necessario, assistere nella deambulazione

− posizionare il campanello, il telefono e gli oggetti personali in luoghi facilmente accessibili

− predisporre lettini, seggioloni e seggiolini in posizioni sicure, in modo che non vacillino

− utilizzare appropriatamente le spondine ed altri ausili di protezione (cappotte per le culle, sollevatori ecc..)

− utilizzare lettini, culle e barelle bloccandole nella posizione più bassa possibile

− utilizzare i blocchi per le ruote tutte le volte che i presidi ne sono provvisti

− mantenere gli spazi in ordine e liberi da ostacoli alla deambulazione

− prevedere un’illuminazione adeguata degli ambienti.

 

Da:

Preventing postpartum newborn falls – American Nurse

Le cadute in ambito pediatrico: come valutare il rischio e prevenire l’evento

Fattori di rischio cadute in ambito pediatrico nell’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti diB ergamo: studio osservazionale retrospettivo Fall risk factors in the paediatric Department at Riuniti Hospital of Bergamo: a retrospective observational study Cristina Caldara Milena Capelli     Monica Casati Laura Chiappa       Simonetta Cesa

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA