Pubblichiamo l'interessante analisi di alcuni collegni infermieri A.P. Tortorelli, E. Fagiani, R. Canestrale, A.M. Frascati, D. Barone, pubblicata questo mese nella rivista dell'OPI di Ancona Confronto professionale, sul fenomeno del suicidio tra i professionisti sanitari infermieri. Può considerarsi un problema epidemiologicamente rilevante? Quali sono i segnali di allarme? Con quali strumenti valutarli? Una riflessione sul prendersi cura di chi cura le persone.

SUICIDIO TRA GLI INFERMIERI: UN RISCHIO SOTTOVALUTATO
Il suicidio è un serio problema di salute pubblica, con alti costi individuali, sociali ed economici per le comunità. Globalmente, si stima che oltre 800.000 persone muoiano dal suicidio ogni anno, e per ogni persona che muore di suicidio, ce ne sono altri 20 che tentano di togliersi la vita (Organizzazione mondiale della sanità [WHO], 2014). Gli infermieri sono quindi in prima linea nel fornire salute e sono esposte a persone vulnerabili al suicidio (Cutcliffe & Stevenson, 2008; Palmieri et al., 2008). Eppure la prevenzione del suicidio è spesso esclusa dalla loro formazione. Nei diversi gruppi professionali, quello degli infermieri esprime alti tassi di suicidio. (McIntosh et al., 2016; Milner, Spittal, Pirkis, & LaMontagne, 2013).

Quanto è prevalente il suicidio tra infermieri? La risposta inquietante, secondo Judy E. Davidson, ricercatrice infermiera dell’University of California San Diego, è che nessuno lo sa davvero. Infermieri e medici sono attori chiave nella prevenzione del suicidio a causa del loro stretto contatto con i pazienti (Berlim et al., 2007; Gilbody et al., 2003), spesso mancano di formazione educativa correlata alla prevenzione del suicidio (Bolster et al., 2015; Kato et al., 2010), e quindi tendono a sperimentare barriere di comunicazione nella gestione del suicidio. Due parti sono coinvolte nel processo di assistenza di un paziente suicida ed è essenziale valutare entrambi per capire come si influenzano reciprocamente e si influenzano a vicenda. Revisioni sistematiche e meta-analisi hanno dimostrato che i programmi di prevenzione del suicidio sono efficaci per i dipendenti dei servizi di protezione e di emergenza (sono stati analizzati 13 studi).

La maggior parte degli studi ha valutato i programmi di prevenzione del suicidio per personale militare o vigili del fuoco. Uno strumento affidabili per valutare le capacità di counseling suicida di professionisti e para-professionisti che lavorano con individui potenzialmente suicidi è il Suicide Intervention Response Inventory (SIRI), sviluppato da Neimeyer e MacInnes nel 1981.

In uno studio pubblicato nel 2018, è risultato che, dopo la valutazione con il sistema SIRI, gli infermieri erano più inclini alla formazione, più coinvolti nelle discussioni, hanno posto più domande, hanno partecipato in modo coerente e hanno sottolineato la mancanza di conoscenza nel campo. La maggior parte degli studi sulla prevenzione/intervento del suicidio sono stati effettuati dal punto di vista dei pazienti.

Un’altra scala di valutazione del suicidio è la Multi-Attitude Suicide Tendency Scale (MAST). La MAST valuta il rischio suicidario sulla base di un costrutto teorico, non contiene domande dirette a rilevare ideazione, minacce e comportamenti suicidari e quindi non è utilizzabile, da sola, per gli studi sulla prevalenza della suicidalità. LA Beck Hopelessness Scale (BHS) è un’altra scala che misura la gravità degli atteggiamenti negativi nei confronti del futuro. Abbiamo gli strumenti per la prevenzione, dovremmo impegnarci affinché i nostri colleghi non siano lasciati soli nel momento del bisogno, saper riconoscere i segni precoci di depressione, anche chi porta aiuto, dovrebbe essere tra le nostre priorità come professionisti.

 

Bibliografia

- Witt K, Milner A, Allisey A, Davenport L, LaMontagne AD. Effectiveness of suicide prevention programs for emergency and protective services employees: a systematic review and metaanalysis. Am J Ind Med. 2017;60(4):394–407.

- Schwartz-Lifshitz M, Zalsman G, Giner L, Oquendo MA. Can we really prevent suicide? Curr Psychiatry Rep. 2012;14(6):624–633

- Lygnugaryte-Griksiene A, Leskauskas D.Assessing suicide management skills of emergency medical services providers before and after suicide intervention/prevention training with Lithuanian version f suicide intervention response inventory. Neuropsychiatr Dis Treat. 2018 Dec 13;14:3405-3412. doi: 10.2147/NDT.S186253. eCollection 2018.

- Siau CS1 , Wee LH, Adnan TH, Yeoh SH, Perialathan K, Wahab S.Malaysian Nurses' Attitudes Toward Suicide and Suicidal Patients: A Multisite Study J Nurses Prof Dev. 2019 Feb 7 - Kato TA, Suzuki Y, Sato R, et al. Development of 2-hour suicide intervention program among medical residents: first pilot trial. Psychiatry Clin Neurosci. 2010;64(5):531–540

- Monika S. Ferguson , Julie A. Reis , Lyn Rabbetts , Heather-Jean Ashby , Miriam Bayes ,Tara McCracken , Christine Ross , Nicholas G. Procter. The Effectiveness of Suicide prevention education Programs for Nurses. Crisis (2018), 39, pp. 96-109

- Hong JunZeng, Gui YingZhou, Hui HongYan, Xiu HongYangHui MinJin. Chinese nurses are at high risk for suicide: A review of nurses suicide in China 2007–2016. Archives of Psychiatric Nursing Volume 32, Issue 6, December 2018, Pages 896-900