Alcune domande del quiz del concorso per 20 INFERMIERI al Cardarelli erano errate e hanno falsato il risultato dell'intera selezione. La conferma arriva dal Tar Campania che ha dato ragione ai candidati che avevano presentato ricorso e che, ora, potranno riprendere da dove avevano interrotto, ovvero con le prove orali.

I fatti
La vicenda risale al maggio di quest’anno quando diversi concorrenti che avevano partecipato al concorso per 20 infermieri indetto dall’Ospedale Cardarelli di Napoli, si erano rivolti ad uno studio legale della città perché avevano ravvisato irregolarità molto gravi che avevano falsato completamente la competizione. Ad un numero ristretto di candidati, attraverso un gruppo Whatsapp, sarebbero state fornite in anticipo le domande riguardanti la prova pratica e sarebbero pure stati indicati due testi di riferimento dai quali sarebbero state estrapolate le risposte.

Molti candidati avevano segnalato la presenza di domande errate o fuorvianti.

 

Il team di avvocati ha fatto analizzare i quesiti da un team di esperti ed in merito all’ultima segnalazione il responso è apparso subito chiaro: con quelle domande era praticamente impossibile operare una selezione meritocratica.

Per quanto riguarda le restanti irregolarità gli avvocati si dicono pronti ad una class action, con un eventuale ricorso che punterà all'ammissione dei ricorrenti alle
prove successive del concorso.

 

 

Da Agenzia Dire e Salvisjuribus