Potrebbero slittare al 30/09/ 2020, le graduatorie dei dipendenti della pubblica amministrazione, scadute il 30/09/2019, ridando speranza ad 80 mila idonei in attesa dell’assunzione nel pubblico impiego.

E’ quanto contenuto nell’emendamento al ddl n. 1476, Conversione in legge del decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali.

 

L’emendamento, articolo 6 bis, modifica l’art 1 della legge 30 dicembre 2018, n.145, apportando le seguenti modifiche:

al fine di ripristinare la validità triennale delle graduatorie dei concorsi di accesso al pubblico impiego, saranno prorogate al 30 settembre 2020 le graduatorie relative al triennio 2012-2014 scadute lo scorso 30 settembre.

Saranno valide anche le graduatorie del 2015 che sarebbero scadute il 31 marzo del 2020.

Ed ancora:

la validità delle graduatorie approvate nel 2017 sarà estesa fino al 31 marzo 2021, mentre quella delle graduatorie approvate nel 2018 sarà estesa fino al 31 dicembre 2021.

Nessuna speranza di assunzione per le graduatorie del triennio 2010-2011.

Il provvedimento resterà ancora una settimana in Senato al vaglio della commissione lavoro.

 

da ItaliaOggi