Iscriviti alla newsletter

Covid. Le mascherine darebbero immunità. Ecco le prove sul meccanismo d’azione

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 29/09/2020 vai ai commenti

CoronavirusProfessione e lavoroStudi e analisi

 

In un recente articolo pubblicato sul The New England Journal of Medicine, i ricercatori provano come le mascherine, in attesa di un vaccino, possano essere di aiuto nel rallentamento della gravità della pandemia in corso

Mentre SARS-CoV-2 continua la sua diffusione globale, è possibile che uno dei pilastri del controllo della pandemia Covid-19 – l’uso della mascherina - possa aiutare a ridurre la gravità della malattia e garantire che una percentuale maggiore di nuove infezioni sia asintomatica. Se questa ipotesi venisse confermata, l’uso universale della mascherina  potrebbe diventare una forma di “vaccinazione” che genererebbe immunità e quindi rallenterebbe la diffusione del virus negli Stati Uniti e altrove, in attesa di un vaccino.

Secondo i ricercatori, l’importanza dell’uso della mascherina è diventato evidente a marzo, quando il covid-19 era nel momento massimo della diffusione, ed Il mascheramento facciale universale sembrava essere un possibile modo per prevenire la trasmissione da persone infette asintomatiche. Il 3 aprile, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomandavano quindi al pubblico di indossare coperture in tessuto per il viso nelle aree con alti tassi di trasmissione. Prove passate relative ad altri virus respiratori indicavano come il mascheramento del viso potesse anche proteggere chi lo indossa dall'infezione, bloccando l'ingresso di particelle virali nel naso e nella bocca. Indagini epidemiologiche condotte in tutto il mondo, specialmente nei paesi asiatici che si sono abituati a mascheramento durante la pandemia di SARS del 2003 - hanno suggerito che esiste una forte relazione tra mascheramento pubblico e controllo della pandemia. Dati recenti da Boston dimostrano che le infezioni da SARS-CoV-2 sono diminuite tra gli operatori sanitari dopo che l’uso della mascherina è stato implementato negli ospedali municipali a fine marzo.

SARS-CoV-2 ha la capacità proteiforme di causare una miriade di manifestazioni cliniche, che vanno dalla completa mancanza di sintomi alla polmonite, alla sindrome da distress respiratorio acuto e alla morte. Recenti dati virologici ed epidemiologici hanno portato all'ipotesi che l’uso della mascherina possa anche ridurre la gravità della malattia tra le persone che ne vengono infettate. Questa possibilità – continuano gli studiosi - è coerente con una teoria di vecchia data della patogenesi virale, che sostiene che la gravità della malattia è proporzionale all'inoculo virale ricevuto. Già dal 1938, i ricercatori esplorano, principalmente in modelli animali, il concetto di dose letale di un virus - o la dose alla quale muore il 50% degli ospiti esposti (LD50). Con le infezioni virali in cui le risposte immunitarie dell'ospite giocano un ruolo predominante nella patogenesi virale, come SARS-CoV-2, alte dosi di inoculo virale possono sopraffare e disregolare le difese immunitarie innate, aumentando la gravità della malattia. Infatti, l'immunopatologia down-regolazione è un meccanismo attraverso il quale il desametasone migliora i risultati nell'infezione grave da Covid-19. Come prova del concetto di inoculi virali che influenzano le manifestazioni della malattia, dosi più elevate di virus somministrato hanno portato a manifestazioni più gravi di Covid-19 in un modello di criceto siriano di infezione da SARS-CoV-2.

Perché la mascherina può ridurre la gravità dell’infezione

Se l'inoculo virale è importante nel determinare la gravità dell'infezione da SARS-CoV-2, un ulteriore motivo ipotizzato per indossare maschere facciali sarebbe ridurre l'inoculo virale a cui è esposto il portatore e il conseguente impatto clinico della malattia. Poiché le maschere possono filtrare alcune goccioline contenenti virus (con capacità di filtraggio determinata dal tipo di maschera),  la mascheratura potrebbe ridurre l'inoculo che una persona esposta inala. Se questa teoria si conferma, l’uso della mascherina da parte della popolazione, con qualsiasi tipo di maschera che aumenta l'accettabilità e l'aderenza, potrebbe contribuire ad aumentare la percentuale di infezioni da SARS-CoV-2 che sono asintomatiche. Il tasso tipico di infezione asintomatica da SARS-CoV-2 è stato stimato essere del 40% dal CDC a metà luglio, ma i tassi di infezione asintomatica sono segnalati essere superiori all'80% in ambienti con mascheramento facciale universale.

I Paesi che hanno adottato l’uso della maschera universale, sono andati meglio in termini di tassi di malattie gravi correlate a Covid e di morte, il che, in ambienti con test limitati, suggerisce un passaggio da infezioni sintomatiche ad asintomatiche. Un altro esperimento nel modello di criceto siriano ha simulato il mascheramento chirurgico degli animali e ha dimostrato che con il mascheramento simulato, i criceti avevano meno probabilità di essere infettati e, se venivano infettati, erano asintomatici o avevano sintomi più lievi rispetto ai criceti smascherati.

Le speranze per i vaccini non sono riposte solo sulla prevenzione delle infezioni: la maggior parte degli studi sui vaccini include un esito secondario di diminuire la gravità della malattia, poiché aumentare la percentuale di casi in cui la malattia è lieve o asintomatica sarebbe una vittoria per la salute pubblica. Il mascheramento universale sembra ridurre il tasso di nuove infezioni; ipotizziamo che riducendo l'inoculo virale aumenterebbe anche la proporzione di persone infette che rimangono asintomatiche.

I ricercatori portano a conoscenza di altri casi interessanti a sostegno dell'ipotesi: In un'epidemia su una nave da crociera argentina chiusa, ad esempio, dove ai passeggeri sono state fornite maschere chirurgiche e al personale con maschere N95, il tasso di infezione asintomatica è stato dell'81% (rispetto al 20% nei precedenti focolai di navi da crociera senza mascheramento universale). In due recenti focolai negli stabilimenti di trasformazione alimentare degli Stati Uniti, in cui a tutti i lavoratori sono state rilasciate maschere ogni giorno ed è stato richiesto di indossarle, la percentuale di infezioni asintomatiche tra le oltre 500 persone che sono state infettate è stata del 95%, con solo il 5% in ciascuna focolaio con sintomi da lievi a moderati.  I tassi di mortalità nei paesi con mascheramento obbligatorio o imposto a livello di popolazione sono rimasti bassi, anche con la recrudescenza dei casi dopo la revoca dei blocchi.

Mentre si attendono i risultati delle sperimentazioni sui vaccini - concludono gli studiosi_ va intrapresa qualsiasi misura di salute pubblica che possa aumentare la percentuale di infezioni asintomatiche da SARS-CoV-2 , rendere l'infezione meno mortale ed aumentare l'immunità a livello di popolazione, e la mascherina sembra essere strategicamente significativa.

 

The New England journal of medicine

© RIPRODUZIONE RISERVATA