Mancano 82 giorni al 31 dicembre e quindi fine del triennio formativo 2017/2019, vediamo quindi tutte le vie da percorrere per ottemperare all’obbligo formativo.

Per il triennio 2017-2019 l’obbligo formativo è pari a 150 crediti formativi.

  • Il professionista sanitario deve assolvere, in qualità di discente di eventi erogati da provider, almeno il 40% del proprio fabbisogno formativo triennale, eventualmente ridotto sulla base di esoneri, esenzioni ed altre riduzioni.
  • La residua parte del 60% dei crediti può essere maturata anche mediante attività di docenza in eventi ecm ovvero mediante le attività di “formazione individuale”.

Non possono essere maturati più di 50 crediti formativi per la partecipazione ad un singolo evento formativo.

Si possono acquisire Crediti, queste di seguito le modalità:

 

1. Formazione residenziale classica (RES).

2. Convegni, congressi, simposi e conferenze (RES).

3. Videoconferenza (RES).

4. Training individualizzato (FSC).

5. Gruppi di miglioramento (FSC).

6. Attività di ricerca (FSC)

7. FAD con strumenti informatici/cartacei (FAD).

8. E-learning (FAD).

9. Formazione blended.

10. Docenza, tutoring ed altro

11. Autoformazione

 

L’autoformazione che passa dal 10% al 20% dell’obbligo triennale formativo. Questo raddoppio netto permette di destinare a questa almeno 30 crediti dei 150 previsti.

L’attività di autoformazione consiste nella lettura di riviste scientifiche, di capitoli di libri e di monografie non accreditati come eventi formativi ECM. Per il triennio 2017/2019 il numero complessivo di crediti riconoscibili per attività di autoformazione non può superare il 20%dell’obbligo formativo triennale valutando, sulla base dell’impegno orario autocertificato dal professionista, il numero dei crediti da attribuire. Rimane ferma la facoltà di Federazioni, Ordini, di prevedere ulteriori tipologie di autoformazione sulla base delle esigenze delle specifiche professioni.

 

FAD

Per il triennio 2017-2019 la Commissione Nazionale ha eliminato tutti i limiti in percentuale tra le differenti tipologie formative. Non ha più senso, dunque, domandarsi quanti crediti ECM si possono fare online: è possibile accumulare il 100% dei crediti necessari attraverso delle attività ECM FAD.

 

Esenzioni

L’ esenzione consiste in una riduzione dell'obbligo formativo triennale:
- congedo maternità e paternità
- congedo parentale e congedo per malattia del figlio
- congedo per adozione e affidamento preadottivo
- aspettativa non retribuita per la durata di espletamento delle pratiche di adozione internazionale
- congedo retribuito per assistenza ai figli portatori di handicap
- aspettativa senza assegni per gravi motivi familiari
- permesso retribuito per i professionisti affetti da gravi patologie
- assenza per malattia
- richiamo alle armi-partecipazione a missioni all’estero o in Italia del corpo militare e infermiere volontarie della CRI
- aspettativa per incarico direttore sanitario aziendale
- direttore socio-sanitario e direttore generale
- aspettativa per cariche pubbliche elettive
- congedo straordinario per assistenza familiari disabili.

L’esenzione viene calcolata nella misura di 2 crediti ecm ogni 15 giorni continuativi di sospensione dell'attività professionale e incompatibilità con una regolare fruizione dell'offerta formativa, attestata o autocertificata.

La riduzione dell’obbligo formativo per il triennio 2017-2019 viene applicata:

1. nella misura di 30 crediti, ai professionisti sanitari che nel precedente triennio hanno maturato un numero di crediti compreso tra 121 e 150;

2. nella misura di 15 crediti, ai professionisti sanitari che nel precedente triennio hanno maturato un numero di crediti compreso tra 80 e 120;

3. nella misura di 15 crediti, ai professionisti sanitari che nel precedente triennio hanno soddisfatto il proprio dossier formativo individuale;

4. nella misura di 10 crediti, ai professionisti sanitari che costruiranno un dossier formativo individuale ovvero saranno parte di un dossier di gruppo costruito da un soggetto abilitato nel primo anno o nel secondo anno del triennio. Le riduzioni di cui ai punti 1 o 2 sono cumulabili con quelle dei punti 3

Ma come può un Professionista avere contezza e tracciabilità del proprio dossier formativo?

È sufficiente registrarsi al portale della banca dati Cogeaps (Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie), per avere un prospetto CERTIFICATIVO della situazione relativa al dossier formativo personale.

Ricordiamo che gli iscritti NurSind possono prendere parte su tutto il territorio nazionale a corsi di formazione residenziali quasi sempre gratuiti per gli iscritti, oltre che a corsi FAD (formazione a distanza), disponibili su www.pegasolavoro.eu .

 

articoli correlati:

Ecm Novità. L’autoformazione passa dal 10 al 20 per cento. Cos’è e come fare per il riconoscimento crediti

Ecm. Scadenza triennio 2019. Normativa, esoneri, certificazione Cogeaps, obbligatorietà, prescrizioni del nuovo CCNL, opportunità formative